Archivio

Daihatsu: addio all’Europa dal 2013

di Marco Coletto -

Dall’1 febbraio 2013 la Daihatsu sparirà dai listini europei. La Casa giapponese ha preso questa decisione in seguito alla crisi economica.

Il brand nipponico – che dal 1999 fa parte della galassia Toyota – paga il calo globale delle immatricolazioni sul mercato locale (6 milioni nel 2000, 5 milioni nel 2010 e una previsione di 4,5 milioni di unità vendute nel 2011), lo sfavorevole rapporto yen-euro (non possiede fabbriche in Europa), la concorrenza crescente dei Paesi emergenti e le severe normative anti-inquinamento.

Chi ha intenzione di acquistare un’auto di questa marca può però farlo senza problemi: la filale italiana onorerà la garanzia sui veicoli (di 3 anni o 100.000 km) e continuerà ad assicurare i servizi di riparazione e manutenzione e la vendita di parti di ricambio fino a quando ci sarà domanda.