Amarsport

All’asta la prima Hesketh F1, quella di Hunt e Jones

La monoposto britannica guidata da due Campioni del Mondo sarà messa all'incanto a maggio

di Marco Coletto -
Hesketh James Hunt

La Hesketh 308, la prima monoposto di F1 realizzata dalla scuderia britannica, sarà la protagonista assoluta dell’asta RM che si terrà il 9 e il 10 maggio 2014 a Monte Carlo in concomitanza con il GP di Monaco Historique.

Questa monoposto dotata di motore Fordprezzo stimato compreso tra 400.000 e 650.000 euro – rappresenta un pezzo importante della storia del Circus. Oltre ad essere il primo dei quattro telai realizzati ha avuto infatti l’onore di essere stata guidata da due Campioni del mondo: il britannico James Hunt e l’australiano Alan Jones.

Il primo pilota – diventato noto al grande pubblico dopo il film “Rush” – gareggiò con questo esemplare nel 1974 portando a casa una vittoria nell’International Trophy di Silverstone (corsa non valida per il Mondiale) e due ritiri in due GP iridati (Sudafrica e Gran Bretagna). Il secondo inizio la propria carriera in F1 l’anno successivo proprio con questa vettura ottenendo come miglior risultato un 11° posto in Svezia.

Altri due driver si sono cimentati al volante di questo esemplare: il sudafricano Ian Scheckter non riuscì a qualificarsi in Austria nel 1974 mentre i migliori piazzamenti li raggiunse il tedesco Harald Ertl nel 1975 con un 8° posto in Germania e un 9° in Italia.

Nel biennio 1974-1975 la Hesketh rappresentò una sorpresa nel Circus: nella stagione del debutto James Hunt conquistò tre terzi posti (Svezia, Austria e USA) che permiserò al team britannico di ottenere il 6° posto nel Mondiale Costruttori. Ancorà meglio andò l’anno successivo: quarti nel mondiale grazie alla vittoria di Hunt in Olanda.

Amarsport

Rush, la storia vera del Mondiale F1 1976

Il mitico duello tra James Hunt e Niki Lauda

F1 d'epoca

I 50 anni di Alex Caffi

Giovanna Amati, l’ultima donna in F1

Maria Teresa de Filippis: la prima donna della F1

Ferrari 312 T4: brutta e vincente

Brabham BT45B, cuore italiano