Amarsport

Giuseppe Morandi, fedele all’OM

Ha lavorato 52 anni per la Casa bresciana e ha vinto molto (compresa la prima Mille Miglia)

Giuseppe Morandi è noto soprattutto per aver vinto – in coppia con Ferdinando Minoia – la prima edizione della Mille Miglia. Non tutti sanno, però, che questo pilota lombardo è stato uno dei più talentuosi della sua epoca e la sua fedeltà alla Casa automobilistica bresciana OM (52 anni di onorato servizio) lo ha portato a rifiutare numerose offerte di altri team (tra cui una certa Scuderia Ferrari, che all’epoca gestiva le Alfa Romeo da gara). Scopriamo insieme la storia di quest’uomo.

Giuseppe Morandi: la storia

Giuseppe Morandi nasce il 10 febbraio 1894 a Castiglione delle Stiviere (Mantova) e a soli 14 anni inizia a lavorare come apprendista presso la Casa automobilistica bresciana OM.

Negli anni ’20 inizia a correre con le vetturette e porta a casa il primo successo importante nel 1924 al Mugello.

La prima Mille Miglia

Giuseppe Morandi vince nel 1927 la prima edizione della Mille Miglia in coppia con Ferdinando Minoia al volante di una OM 665 Sport. I due a Bologna hanno quattro minuti di ritardo nei confronti dell’Alfa Romeo di Gastone Brilli-Peri ma conquistano la testa della corsa a Perugia approfittando di un guasto alla vettura del Biscione (troppo sollecitata dal conte toscano).

Nello stesso anno Morandi conquista il secondo posto nel GP d’Italia.

Gli altri successi

Nel 1929 Giuseppe Morandi arriva secondo alla Mille Miglia in coppia con Archimede Rosa e ottiene parecchie vittorie in solitaria in altre corse minori (Avellino, Messina, Coppa della Sila e Circuito Tre Province).

L’anno seguente si aggiudica con Rosa il Giro di Sicilia: un successo ripetuto nel 1931 (anno del terzo posto alla Mille Miglia). La carriera di Morandi termina ufficialmente nel 1932 con il ritiro della OM dalle competizioni ma nel 1947 il pilota lombardo ha modo di ripresentarsi al via della gara bresciana con una Fiat 1100 insieme ad Aldo Bassi (53° assoluto).

La pensione e la morte

Nel 1960, dopo 52 anni di servizio, Giuseppe Morandi lascia la OM e scompare a Brescia il 31 ottobre 1977.

Amarsport

Lancia D24: bella e vincente

Storia della vettura da corsa torinese, regina della Carrera Panamericana e della Mille Miglia negli anni Cinquanta

Motorsport d'epoca italiano

Ferrari F2003-GA: una F1 per Gianni Agnelli

Sanremo 2003: l’ultimo rally mondiale

Mauro Forghieri: una vita per la Ferrari