Amarsport

Jaguar XJ13: entrò nel mito senza mai correre

Per via di un cambio nel regolamento e di ritardi nella progettazione non potè mai partecipare alla 24 Ore di Le Mans

di Marco Coletto -

Le auto da corsa diventano mitiche quando vincono, alcune ci riescono senza mai salire sul gradino più alto del podio mentre solo una è stata capace di ottenere questa impresa senza mai gareggiare: la Jaguar XJ13.

A causa di alcuni ritardi nella progettazione e ad un cambio di regolamento la sportiva britannica non potè prendere parte alla 24 Ore di Le Mans: rimase un esemplare unico, ora ammirabile presso l’Heritage Motor Centre Museum di Gaydon, nel Regno Unito. Scopriamo insieme la sua storia.

Jaguar XJ13: la storia

Il progetto della Jaguar XJ13 vede la luce all’inizio degli anni Sessanta quando gli ingegneri della Casa britannica, reduce da cinque successi alla 24 Ore di Le Mans nel decennio precedente (1951, 1953, 1955, 1956 e 1957), decidono di creare un’erede della D-Type all’insaputa del fondatore dell’azienda William Lyons, contrario all’idea.

La vettura – ricca di alluminio (utlizzato per il telaio e la carrozzeria) – monta un motore 5.0 V12 da 502 CV. Questa unità – la prima a dodici cilindri del marchio inglese – verrà successivamente adottata (dopo opportune modifiche per l’utilizzo sui modelli di serie) sulla coupé E-Type e sull’ammiraglia XJ.

La mancata partecipazione alle gare

La costruzione della Jaguar XJ13 inizia nel 1966 ma numerosi ritardi nella progettazione impediscono alla vettura di prendere parte alla 24 Ore di Le Mans dell’anno successivo. Molti appassionati di motorsport dubitano, però, del livello di competitività di questo modello visto che in gara era presente la mostruosa Ford GT40, dotata di un possente propulsore 7.0 V8.

Il cambio di regolamento del 1968, che vieta la partecipazione a vetture con motori di cilindrata superiore a 3 litri a meno che non siano state prodotte in almeno 50 esemplari, rende la sportiva “british” inutilizzabile nelle gare.

Dopo le corse

La Jaguar XJ13 viene utilizzata negli anni Settanta come protagonista di spot pubblicitari per il lancio della E-Type ma durante una ripresa viene quasi distrutta in un incidente dovuto al distacco di una ruota. La vettura viene ricostruita nel 1973 con un nuovo motore, che subisce gravi danni poco dopo per via di un fuorigiri prolungato.

Il propulsore originale viene quindi rimontato ma non mancano altri danni: nel 2004 durante un’operazione di scarico da un camion la XJ13 urta contro un marciapiede danneggiando il basamento del motore e il modello attualmente presente nel museo di Gaydon è frutto di un profondo restauro da parte della Casa britannica.

La 24 Ore di Le Mans

Ferrari 458 Challenge: on board a Le Mans

Renault Alpine: il ritorno a Le Mans, 35 anni dopo

24 Ore di Le Mans 2013: informazioni, calendario, curiosità e dettagli sulla gara

Nissan: un’elettrica a Le Mans nel 2014

Alessandro Del Piero a Le Mans