Porsche 959 Dakar
  • pubblicato il 19-02-2016

Porsche 959, la supercar che vinse la Parigi-Dakar

30 anni fa la sportiva tedesca dominò il rally raid più famoso del mondo

La Porsche 959 non è solo la supercar più tecnologica degli anni ’80: la sportiva tedesca fu addirittura capace - 30 anni fa - di vincere la Parigi-Dakar, il rally raid più famoso del mondo. Scopriamo insieme la breve carriera “racing” della coupé di Zuffenhausen.

Porsche 959: la storia sportiva

1985

La Porsche 959 debutta nelle corse l’1 gennaio 1985 alla Parigi-Algeri-Dakar: la versione da gara della supercar a trazione integrale di Zuffenhausen è molto diversa dalla variante di serie che verrà lanciata ufficialmente diversi mesi dopo al Salone di Francoforte.

Il motore - aspirato anziché sovralimentato - genera “solo” 231 CV anziché 449 e l’assetto rialzato garantisce un’altezza da terra di 30 cm adatta a superare senza problemi le superfici sconnesse.

La Porsche, reduce dal trionfo alla Parigi-Algeri-Dakar dell’anno precedente con la 911, schiera nel 1985 tre 959 e le affida ad un “dream team” composto dagli ultimi due vincitori del mitico rally raid africano - il belga Jacky Ickx e il francese René Metge - e dal tedesco Jochen Mass, reduce dall’esperienza del 1984 con la Mercedes 500 SLC.

Nonostante il supporto logistico fornito da una Mercedes classe G dotata di un motore preso in prestito dalla Porsche 928 S (l’unico modo per poter stare dietro alle velocissime supercar di Zuffenhausen) nessuna delle tre 959 riesce a tagliare il traguardo in Senegal.

1986

La Porsche si riscatta nella Parigi-Algeri-Dakar 1986 - in programma dall’1 al 22 gennaio - con una 959 più evoluta di quella precedente. Il motore 2.9 a sei cilindri contrapposti a doppia sovralimentazione genera 400 CV e permette alla sportiva teutonica di raggiungere una velocità massima di 242 km/h (invece di 315).

La Casa di Stoccarda schiera tre vetture - caratterizzate da rinforzi al telaio e alle sospensioni e da un serbatoio maggiorato (330 litri) anziché 84 - e le affida a Metge, a Ickx e all’ingegnere tedesco Roland Kussmaul (che ha il compito di fornire assistenza tecnica ai due campioni).

Metge domina la Parigi-Algeri-Dakar 1986 - un’edizione funestata dalla morte, in un incidente in elicottero, del creatore della corsa Thierry Sabine - con la Porsche 959 e riesce a tenersi dietro Ickx (2°) malgrado un inconveniente nell’ultima prova speciale che lo porta a ritrovarsi immerso nel fango. La vettura di supporto di Kussmaul riesce a terminare la corsa in sesta posizione.

Porsche 959, la supercar che vinse la Parigi-Dakar

L'opinione dei lettori