• pubblicato il 05-01-2012

Audi A6, la storia dell'ammiraglia dei quattro anelli

di Marco Coletto

Le quattro generazioni di un'auto che ha saputo mescolare eleganza e sportività.

Nonostante sia l'ultima arrivata tra le ammiraglie tedesche l'Audi A6 ha impiegato poco tempo a conquistare il pubblico. grazie al design, alla qualità costruttiva e ad un sistema di trazione integrale (è possibile anche acquistarla a trazione anteriore) tra i migliori del segmento.

La quarta generazione della "segmento E" dei quattro anelli - denominata C7, presentata nel 2011 e disponibile nelle versioni berlina e station wagon (Avant) - ha uno stile aggressivo e offre una grande agilità su strada. Merito di numerose componenti in alluminio come i montanti delle sospensioni anteriori, i parafanghi anteriori, il cofano motore, il cofano bagagli e le portiere.

La gamma motori, tutti sovralimentati ad iniezione diretta con sistema start/stop, è composta da due unità a benzina (2.8 da 204 CV e 3.0 da 299 CV) e tre a gasolio TDI (2.0 da 177 CV, 3.0 da 204 e 245 CV). Scopriamo insieme l'evoluzione dell'elegante "berlinona" di Ingolstadt.

C4

Nasce nel 1994 e non è altro che un restyling della terza serie della 100. La gamma motori comprende unità da 1,8 a 4,2 litri da 90 a 326 CV. Degne di nota la sportiva S6 (con un 2.2 da 230 CV e un 4.2 V8 da 290 CV) e la cattivissima S6 Plus con un 4.2 V8 da 326 CV.

C5

Arriva nel 1997, ha uno stile originale e aerodinamico e monta motori da 1,8 a 4,2 litri da 110 a 480 CV. La S6 ha un 4.2 V8 da 340 CV e una dotazione di serie che comprende i fari allo xeno e il cambio automatico tiptronic mentre la RS6 risponde con un 4.2 V8 da 450 CV che diventano 480 sulla RS6 Plus.

Nel 1998 viene lanciata la station wagon Avant mentre nel 1999 sulla base della familiare a trazione integrale nasce la allroad con sospensioni pneumatiche, la prima SUV dei quattro anelli. Il restyling del 2002 porta fari modificati, una griglia rivista, nuovi propulsori e il cambio automatico multitronic.

C6

Debutta nel 2004, è più grande di prima, è disegnata da Walter de'Silva e ha uno stile caratterizzato dalla calandra "single-frame" e dalla plancia orientata verso il guidatore. Ipertecnologica, monta motori da 2 a 5,2 litri da 136 a 579 CV.

Al Salone di Francoforte del 2005 viene presentata la S6: ha un 5.2 V10 da 435 CV. Nel 2006 debutta la A6 allroad mentre al Salone di Mosca del 2008 viene svelato il restyling: modifiche estetiche al frontale e alla coda e un nuovo propulsore 3.0 TFSI (sovralimentato ad iniezione diretta di benzina).

Sempre nel 2008 arriva la mostruosa RS6: motore 5.0 V10 da 579 CV.

IL FUTURO

Nei prossimi mesi arriverà in listino la S6, dotata di un 4.0 V8 da 420 CV. Poco dopo toccherà alla versione ibrida hybrid, con un 2.0 TFSI a benzina da 211 CV abbinato ad un propulsore elettrico da 54 CV. Entro la fine dell'anno dovrebbe anche debuttare la allroad.

Audi A6, la storia dell'ammiraglia dei quattro anelli

L'opinione dei lettori