Auto Story

Mercedes classe C, l’evoluzione della berlina della Stella

Le tre generazioni della "segmento D" di Stoccarda.

di Marco Coletto -

La generazione attuale della Mercedes classe C, presentata nel 2007 e ristilizzata nel 2011 con modifiche ai fari e ai paraurti e l’arrivo del sistema Start/Stop, ha conservato l’eleganza delle precedenti serie ma è più gradevole da guidare. Motori da 1,8 a 6,2 litri da 120 a 487 cavalli, due frontali diversi (Classic ed Elegance con una griglia tradizionale, Avantgarde con la stella al centro della calandra) e una sportiva versione Coupé che ha debuttato in listino quest’anno.
Un’auto giunta al diciottesimo anno di carriera che non ha mai smesso di sedurre.

PRIMA GENERAZIONE
Debutta nel 1993 e il suo compito è quello di sostituire la 190: fino al 1997 (anno in cui arriva la classe A) è l’auto della Stella più compatta in listino. Con lei nel 1995 debuttano i propulsori sovralimentati Kompressor e le varianti sportive AMG (che entrano a far parte di una gamma di unità da 1,8 a 5,4 litri da 75 a 345 CV). Nel 1996 è invece la volta della station wagon mentre nel 1997 il restyling porta paraurti modificati, fari posteriori più scuri e nuovi cerchi in lega. Non mancano i successi sportivi: due titoli nel campionato turismo tedesco DTM e uno nel trofeo internazionale ITC tra il 1994 e il 1995.

SECONDA GENERAZIONE
Arriva nel 2000 e ha forme più morbide rispetto alla precedente serie. Debuttano i motori turbodiesel common rail (l’intera gamma dei propulsori comprende unità da 1,8 a 5,4 litri da 115 a 367 CV), nel 2001 arrivano la station wagon e la sportiva SportCoupé e nel 2004 c’è il restyling.

IL FUTURO
Bisognerà attendere fino al 2014 prima di vedere nelle concessionarie la quarta generazione della Mercedes classe C. Siccome la data è ancora troppo lontana non si conoscono indiscrezioni su come sarà la vettura, attualmente in fase di progettazione.

Foto

Mercedes classe C, la storia in foto

Una carriera quasi ventennale per la berlina della Stella.