• pubblicato il 18-09-2012

Agila e Adam, la storia delle citycar Opel

di Marco Coletto

Una pratica, l'altra trendy

Le citycar Opel non hanno una lunga tradizione (sono nate negli anni Duemila) ma hanno impiegato poco tempo per conquistare il pubblico europeo. Attualmente la gamma della Casa tedesca è composta da due modelli.

Agila B

La seconda generazione della piccola monovolume Agila, denominata con la sigla B e presentata al Salone di Francoforte del 2007, è più lunga di una ventina di centimetri rispetto alla serie precedente e si distingue dall'antenata per uno stile più originale e meno squadrato.

Prodotta nello stabilimento ungherese di Esztergom insieme alla gemella Suzuki Splash, ha una gamma motori al lancio che comprende tre unità: due a benzina (1.0 da 65 CV e 1.2 da 86 CV) e un 1.3 turbodiesel CDTI da 75 CV. Nel 2011 i propulsori diventano Euro 5, quello a gasolio sparisce dal listino e il 1.2 passa a 94 CV. Attualmente sono solo due i motori in commercio: un 1.0 da 68 CV e un 1.2 da 94 CV, entrambi a benzina.

Adam

La prima vera auto da città nella storia della Opel è basata sul pianale della sorella maggiore Corsa e ha un design che ricorda molto (troppo?) quello della Fiat 500 e dell'Audi A1. Presentata al Salone di Parigi 2012, ha una gamma motori composta da due unità a benzina: un 1.2 da 70 CV e un 1.4 da 100 CV.

Scopriamo insieme l'antenata di tutte le vetture "urbane" della Casa di Rüsselsheim.

Agila A (2000)

Per coprire la fascia di mercato sotto la Corsa viene deciso di sfruttare un modello già esistente, la Suzuki Wagon R+, e di modificarlo quanto basta per metterlo sul mercato con un altro brand.

Piccola fuori (tre metri e mezzo di lunghezza) e spaziosissima dentro grazie alle forme squadrate, ha una gamma motori al lancio che comprende due unità a benzina: un 1.0 da 58 CV e un 1.2 da 75 CV.

Il restyling del 2003 (che coinvolge in modo particolare il frontale) porta un 1.3 turbodiesel di origine Fiat da 69 CV e un aumento di potenza degli altri propulsori: il 1.0 sale fino a quota 60 CV, il 1.2 a 80.

Agila e Adam, la storia delle citycar Opel

L'opinione dei lettori