• pubblicato il 05-10-2016

Audi A4, l'evoluzione del design

Com'è cambiato lo stile della berlina più amata dagli italiani

L’Audi A4 - la berlina più amata dagli italiani - ha impiegato poco tempo a sedurre gli automobilisti. Merito di contenuti di alto livello e di un design particolarmente riuscito.

Di seguito vi racconteremo l’evoluzione dello stile della “segmento D” di Ingolstadt, al cui progetto hanno lavorato anche alcuni tra i più imporanti car designer contemporanei.

Audi A4 B5 (1994)

La prima generazione dell’Audi A4 - denominata B5 - nasce ufficialmente nel 1994 ma i primi schizzi risalgono addirittura al 1988. Lo stile degli esterni viene approvato nel 1991 mentre quello degli interni nel 1992.

Disponibile in due varianti di carrozzeria (berlina e station wagon Avant) e oggetto di un restyling nel 1997, non ha un design particolarmente originale: il frontale ricorda (troppo) quello dell’antenata 80 e l’unico elemento di stile di un certo interesse è lo spoiler integrato nella coda.

Audi A4 B6 (2000)

Nonostante sia nata nel 2000 l’Audi A4 B6 appare ancora oggi moderna: merito della coda tondeggiante e delle forme semplici - ispirate a quelle della A6 C5 - realizzate da Peter Schreyer (l’uomo che ha disegnato anche la prima serie della sportiva TT e che ha rivoluzionato lo stile di Hyundai e Kia).

La variante station wagon Avant del 2001 è invece opera di un altro maestro del car design contemporaneo: Luc Donckerwolke, attualmente responsabile dello stile in Genesis (marchio di lusso del gruppo Hyundai) e autore delle Lamborghini Murciélago e Gallardo. L’anno seguente è la volta della Cabriolet con la capote in tela.

Audi A4 B7 (2004)

L’Audi A4 B7 del 2004 non è altro che un profondo restyling della B6 realizzato nientepopodimeno che da Walter de Silva, che fa debuttare anche sulla berlina di Ingolstadt l’aggressiva mascherina “single frame” introdotta sulla A6 C6.

Audi A4 B8 (2007)

La rivoluzione stilistica per l’Audi A4 arriva con la B8 del 2007: più grande e più spaziosa per passeggeri e bagagli, appare molto più bassa, più larga e più piantata a terra e vanta affascinanti luci diurne a LED.

Sparita la cabriolet, nel 2009 arriva la versione allroad che strizza l’occhio al mondo delle SUV grazie alle protezioni in plastica grezza mentre il restyling del 2012 si limita a pochi interventi mirati.

Audi A4 B9 (2015)

Ancora più grande, ancora più aggressiva: l’Audi A4 B9 del 2015 ricorda nello stile la serie precedente ma è ancora più grintosa e sexy.

Audi A4, l'evoluzione del design

L'opinione dei lettori