• pubblicato il 22-10-2014

Nissan Cube, la storia della piccola monovolume giapponese

L'evoluzione di una delle auto più originali degli ultimi anni

La carriera della Nissan Cube - una delle auto più originali di sempre - è durata solo sedici anni. Nel nostro Paese è stata commercializzata - senza successo - nel 2010 e nel 2011 ma in altre nazioni (soprattutto in Giappone) è ricordata come una piccola monovolume versatile e simpatica. Scopriamo insieme la sua storia.

Nissan Cube Z10 (1998)

La prima generazione della Nissan Cube - denominata Z10 ed entrata nei listini giapponesi nel 1998 - non ha uno stile particolarmente riuscito. Realizzata sulla stesso pianale della seconda serie della Micra e disponibile a trazione anteriore o integrale, monta un motore 1.3 a benzina abbinato ad un cambio automatico CVT.

Nissan Cube Z11 (2002)

Con la seconda generazione della Nissan Cube - conosciuta anche con la sigla Z11 - arrivano (finalmente) forme davvero squadrate. Sempre disponibile a trazione anteriore o integrale, ha una gamma motori composta da due unità a benzina (1.4 e 1.5) abbinata sempre e solo alla trasmissione automatica a variazione continua.

Nissan Cube Z12 (2009)

La Nissan Cube Z12 (terza generazione) viene presentata al Salone di Los Angeles 2008, inizia ad essere commercializzata l’anno seguente e sbarca nel nostro Paese nel 2010 con due motori da 110 CV: un 1.6 a benzina e un 1.5 turbodiesel dCi.

Dotata di forme più arrotondate rispetto alla serie precedente e finalmente acquistabile anche con il cambio manuale, fatica a conquistare il pubblico mondiale (a causa soprattutto dello yen forte) e smette di essere prodotta nel 2014.

Nissan Cube, la storia della piccola monovolume giapponese

L'opinione dei lettori