• pubblicato il 01-04-2015

Ssangyong, la storia della Casa coreana

L'evoluzione delle vetture del brand asiatico

Hyundai e Kia non sono le uniche Case automobilistiche della Corea del Sud: nei nostri listini il Paese asiatico è anche rappresentato dalla Ssangyong. Scopriamo insieme la storia di questo marchio, ora in mani indiane, e dei suoi numerosi cambi di proprietà.

Ssangyong, la storia

La storia della Ssangyong inizia ufficialmente nel 1954 con la creazione della società Ha Dong-hwan: quest’azienda si fonde nel 1964 con la Dongbang (nata l’anno prima) e si concentra nella produzione di veicoli commerciali e di Jeep per l’esercito statunitense.

La produzione di automobili destinate ad uso civile inizia negli anni ’70 e nel 1977 si assiste al primo cambio di ragione sociale dell’azienda coreana: Dong-A Motor.

Gli anni ’80 e ’90

La svolta arriva nella seconda metà degli anni ’80 e più precisamente nel 1986 quando il colosso finanziario Ssangyong acquisisce la Dong-A Motor. Il 1987 è l’anno in cui viene acquistato il brand britannico Panther Westwinds, specializzato in sportive, mentre nel 1988 la Casa automobilistica asiatica viene definitivamente chiamata Ssangyong.

Nel 1991 viene siglato un importante accordo con Mercedes, che porta alla realizzazione di motori sei cilindri a benzina e cinque cilindri turbodiesel e alla produzione di una SUV, la Musso, che vede la luce nel 1993. Due anni più tardi tocca al van Istana (che ha molti elementi in comune con il veicolo commerciale MB100 della Stella) mentre nel 1996 tocca alla seconda generazione della Sport Utility Korando (dotata di propulsori e trasmissioni tedesche) e nel 1997 all’ammiraglia Chairman H realizzata sulla stessa piattaforma della Mercedes classe E W124 degli anni ’80.

Ssangyong viene rilevata da Daewoo nel 1997 ma il rapporto si interrompe dopo tre anni in seguito alla crisi economica che colpisce il colosso asiatico.

Il terzo millennio

Il terzo millennio per il marchio coreano si apre con il lancio, nel 2001, della SUV Rexton (dotata di trasmissioni Mercedes): tre anni dopo il brand viene acquistato dai cinesi della SAIC. Nel 2005 viene presentata un’altra Sport Utility, la Kyron, ancora dotata di cambi di origine teutonica ma nel 2008 per colpa della crisi economica il brand asiatico entra in amministrazione controllata.

Ssangyong viene comprata nel 2010 - anno in cui debutta la terza serie della Korando (che grazie al design di Giorgetto Giugiaro conquista parecchi clienti) -  dagli indiani di Mahindra ed è grazie a loro che avviene il rilancio della società. Fra pochi mesi debutterà in listino il primo modello realizzato sotto la nuova proprietà: la baby crossover Tivoli.

Ssangyong, la storia della Casa coreana

L'opinione dei lettori