• pubblicato il 13-11-2012

SLR e SLS, la storia delle supercar Mercedes

di Marco Coletto

Le auto più esagerate della Stella

Le supercar Mercedes sono in commercio solo da una decina di anni ma hanno già conquistato il cuore degli appassionati. Il modello attualmente in vendita, la SLS, nasce nel 2010 dopo il divorzio della Casa di Stoccarda con la McLaren, dovuto agli scarsi risultati di vendita dell'antenata SLR.

Presentata al Salone di Francoforte del 2009 e commercializzata il 27 marzo del 2010, in concomitanza con il debutto come safety-car nel Mondiale F1, ha un design ispirato alla 300SL degli anni '50 contraddistinto da un cofano chilometrico e dalle portiere ad ali di gabbiano.

Disponibile inizialmente solo come Coupé, ha una scocca per il 96% in lega di alluminio e monta un motore 6.2 V8 da 571 CV. Nel 2011 arriva la variante Roadster con porte tradizionali mentre nel 2012 entrambi i modelli vengono rimpiazzati dalla GT, con 591 CV, un cambio più rapido e modifiche agli interni e ai cerchi in lega. Nello stesso anno viene lanciata la possente Black Series, più potente (631 CV) e più leggera di una settantina di chili. Scopriamo insieme la sua antenata.

SLR (2003)

Realizzata in collaborazione con la McLaren, ha un design che riprende quello della concept Vision SLR presentata al Salone di Detroit del 1999: un omaggio al passato (la 300SL degli anni '50) e al presente (la monoposto di F1 della scuderia britannica).

Presentata al Salone di Francoforte, è contraddistinta dai sedili in fibra di carbonio, dal pulsante di accensione posizionato sulla leva del cambio, dalla carrozzeria in CFK (materiale a base di fibra di carbonio) come le vetture di F1 e dalla scocca in carbonio e alluminio. Il motore è un 5.4 V8 da 625 CV.

La versione limitata (150 esemplari) 722 Edition nasce nel 2006 per celebrare la vittoria della 300 SLR alla Mille Miglia del 1955 (722 era il numero di gara di quella vettura): le modifiche più evidenti riguardano i cerchi scuri da 19", le sospensioni ribassate di un centimetro e la potenza aumentata a 650 CV.

Nel 2007 la scoperta Roadster rimpiazza la coupé, nel 2008 debutta la 722 S Roadster (anche lei con 650 CV) mentre nel 2009 è la volta dell'esclusiva Stirling Moss, mostrata a Detroit. Disponibile esclusivamente spider e senza alcuna copertura, ha uno stile molto originale che strizza l'occhio alle auto da corsa degli anni '50: motore da 650 CV e 75 esemplari destinati esclusivamente ai proprietari di SLR.

Il futuro

Nel 2013 debutterà sul mercato la SLS Electric Drive a trazione integrale, variante elettrica presentata al Salone di Parigi di quest'anno. Monta quattro propulsori ad emissioni zero che generano una potenza complessiva di 750 CV e freni carboceramici e ha un'autonomia di 250 km.

SLR e SLS, la storia delle supercar Mercedes

L'opinione dei lettori