Auto Story

Sorento e Borrego, la storia delle grandi SUV Kia

Dieci anni di carriera nel segmento delle 4x4 ingombranti

di Marco Coletto -

Le grandi SUV Kia compiono dieci anni. Il modello attualmente in commercio, la seconda generazione della Sorento, viene presentato nel 2009 al Salone di Seul: l’addio al telaio a longheroni e alle marce ridotte e il pianale condiviso con la seconda serie della Hyundai Santa Fe (con trazione integrale ad inserimento automatico) fanno perdere a questa vettura lo spirito “off-road” che contraddistingueva la precedente serie.

Disponibile anche a sette posti e in un’inedita variante a trazione anteriore, ha un design aggressivo e una gamma motori al lancio che comprende un 2.4 a benzina da 174 CV (che abbandona il listino dopo poco tempo) e un 2.2 turbodiesel da 197 CV.

Il restyling che debutterà sul mercato nel 2013 porterà qualche modifica al frontale (gruppi ottici a LED e paraurti ridisegnato) e ai propulsori. Scopriamo insieme l’evoluzione delle 4×4 ingombranti “made in Korea”.

Sorento prima generazione (2002)

Nasce sullo stesso pianale (accorciato) della Hyundai Terracan e ha un buon comportamento in fuoristrada grazie al telaio a longheroni e alle marce ridotte. Ha un design accattivante e tanta versatilità, merito della presenza dell’utile lunotto apribile.

Le finiture non sono ancora al livello della concorrenza giapponese ed europea e la gamma motori comprende un 3.5 V6 a benzina da 194 CV e un 2.5 turbodiesel da 140 CV. Al Salone di Ginevra del 2006 viene svelato il restyling (mascherina ridisegnata e paraurti rivisto): sparisce il 3.5, rimpiazzato da un 3.3 V6 da 247 CV, mentre la potenza del 2.5 a gasolio sale a 170 CV.

Borrego (2008)

Riservata al Nord America e alla Corea del Sud, svelata al Salone di Detroit del 2008 e anticipata dalla concept Mesa mostrata a Detroit 2005, non ottiene un grande successo di pubblico.

La gamma motori comprende due unità a benzina (3.8 da 280 CV e 4.6 V8) e, dal 2010, un 3.0 V6 turbodiesel.