Abarth 695
  • pubblicato il 02-12-2014

Abarth 695 (1964): la Fiat 500 cattiva ma non troppo

La versione elaborata del mitico "cinquino" più sfruttabile nell'uso quotidiano (potenza max a 4.900 giri) si trova facilmente: occhio ai falsi, però

La Abarth 695 - presentata nel 1964 - è la Fiat 500 d'epoca elaborata più adatta all’uso quotidiano (è l’unica a sviluppare la potenza massima sotto i 5.000 giri, 4.900 per l’esattezza). Nonostante la sua carriera sia durata solo due anni non è difficile da trovare: bisogna però fare molta attenzione ai “falsi”…

Abarth 695 (1964): le caratteristiche principali

La Abarth 695 viene svelata ufficialmente al Salone di Ginevra del 1964: questa variante preparata del mitico “cinquino” (più precisamente della versione D) non è rivolta a chi corre in pista ma a chi non si accontenta delle prestazioni della citycar torinese. Il divertimento alla guida è garantito dalla configurazione “tutto dietro” (motore e trazione posteriore) mentre il problema più rilevante riguarda la ruggine.

Il peso contenuto (470 kg) sale a quota 490 nel 1965, anno in cui la Casa dello Scorpione - in seguito al lancio della Fiat 500 F - si ritrova a dover lavorare su questo nuovo modello, caratterizzato dalle portiere incernierate anteriormente. Pochi mesi più tardi arriva l’omologazione FIA per correre nella categoria Turismo ma già a settembre questo veicolo esce di produzione in concomitanza con il debutto della più cattiva variante SS Assetto Corsa.

Non è facile riconoscere le Abarth 695 originali: il numero di telaio deve essere preceduto dalla cifra 106 e il numero del motore deve essere seguito dalla cifra 206. Questo, però, può non bastare: esistono molti esemplari “taroccati” dotati di paratie con punzonature originali. Sullo stemma deve essere presente la scritta “Abarth &C.” e non Abarth e il pomello del cambio è lo stesso del “cinquino” tradizionale.

La tecnica

Il motore è un bicindrico da 689 cc e 30 CV dotato di un carburatore Solex 34 PBIC (lo stesso della 595 SS): questa unità permette alla citycar piemontese di raggiungere una velocità massima di 130 km/h.

La maggior parte dei ricambi della Abarth 695 (in comune con la Fiat 500) è facile da trovare, più complicato rintracciare invece le componenti specifiche dello Scorpione.

Le quotazioni

Trovare una Abarth 695 originale non è difficile: la cosa complicata è trovare qualcuno disposto a venderla a 25.000 euro (quotazione ufficiale) visto che negli annunci i prezzi non scendono mai sotto quota 35.000.

Decisamente meno care (poco più di 10.000 euro) le Fiat 500 che molti automobilisti facevano modificare dalla Casa dello Scorpione: hanno il numero del telaio e del motore Fiat ma sul libretto, in quanto riomologate, presentavano le diciture “vettura usata” e “trasformata Abarth”.

Le Fiat 500 D o F “normali” dotate di componenti Abarth e simili alle 695 ma prive di qualsiasi dicitura sul libretto in quanto allestite da meccanici privati conservano lo stesso valore dei “cinquini” standard (6.000 euro circa) o costano addirittura meno.

Abarth 695 (1964): la Fiat 500 cattiva ma non troppo

L'opinione dei lettori