Auto d'epoca

AC Aceca AC (1954): la Ace coupé

La AC Aceca motorizzata AC del 1954 non è altro che la variante coupé della Ace.

AC Aceca

La Aceca – nata nel 1954 – non è tra le sportive più famose realizzate dalla AC (più nota per la Cobra) ma è sicuramente una delle più affascinanti. La variante coupé della più nota Ace dotata di motore AC è molto apprezzata (specialmente nel Regno Unito) dagli appassionati di corse storiche e oggi ha quotazioni molto elevate (oltre 150.000 euro per esemplari molto ben conservati).

AC Aceca AC (1954): le caratteristiche principali

La AC Aceca AC – cioè la versione coupé della Ace dotata di motore AC – ha un design sexy caratterizzato da un cofano chilometrico e da un pratico portellone.

Lunga meno di 3,90 metri e molto divertente nelle curve (merito della grande leggerezza dovuta al telaio in legno e tubi di acciaio e alla carrozzeria in alluminio), è più veloce della Ace da cui deriva per via dell’aerodinamica più curata. Nel 1957 diventa più sicura grazie all’adozione dei freni a disco anteriori.

AC Aceca AC (1954): la tecnica

Il motore AC della AC Aceca AC è un 2.0 a sei cilindri da 90 CV abbinato ad un cambio manuale a quattro marce: un propulsore particolarmente elastico che non disdegna la zona rossa del contagiri. Analizzeremo le varianti dotate di propulsori Ford (più rari) e Bristol (più potenti) in un’altra occasione.

AC Aceca AC (1954): le quotazioni

Non fidatevi delle quotazioni della AC Aceca AC inferiori a 50.000 euro: è semplicemente impossibile trovare la sportiva britannica – prodotta in soli 151 esemplari – a meno di 150.000 euro.