Auto d'epoca

Alvis TC 21 Drophead (1953): eleganza british

Nel Regno Unito è molto usata nei matrimoni e ha quotazioni comprese tra 30.000 e 40.000 euro. Da noi è introvabile

La Alvis TC 21 Drophead è una cabriolet sconosciuta in Italia: nel suo Paese d’origine (il Regno Unito), invece, è molto usata nei matrimoni, si trova senza problemi e ha quotazioni comprese tra 30.000 e 40.000 euro.

Alvis TC 21 Drophead (1953): le caratteristiche principali

La Alvis TC 21 Drophead, prodotta dal 1953 al 1955, è una scoperta a quattro posti contraddistinta da uno stile tipicamente britannico: una vera rarità per l’epoca visto che nel secondo dopoguerra le Case inglesi tendevano a scimmiottare nello stile le auto statunitensi.

Evoluzione della TA Drophead (costruita dal 1950 al 1953) e realizzata dal noto carrozziere Tickford è un’auto elegante, veloce e con finiture di buon livello (legno e pelle a profusione). I freni, invece, non sono molto potenti e la strumentazione centrale è un po’ troppo piccola.

Alvis TC 21 Drophead (1953): la tecnica

Il motore della Alvis TC 21 Drophead del 1953 è un 3.0 a sei cilindri in linea da 95 CV abbinato ad un cambio manuale a quattro marce: questa unità permette alla cabriolet “british” di raggiungere una velocità massima di 90 miglia orarie (145 km/h). La versione più sportiva Grey Lady – nota anche con la denominazione TC 21/100 – tocca invece le 100 miglia orarie (161 km/h): merito del propulsore potenziato (102 CV) e di una rapportatura della trasmissione ottimizzata.

Alvis TC 21 Drophead (1953): le quotazioni

La Alvis TC 21 Drophead più interessante dal punto di vista storico è la Grey Lady, semplice da rintracciare a circa 40.000 euro. Per le versioni meno potenti bastano invece 30.000 euro.

Personaggi

Alec Issigonis, l'inventore della Mini

Storia dell'ingegnere che ha creato la piccola britannica

Auto d'epoca britanniche

Standard Ten (1954): l’utilitaria di sua maestà

TVR Tamora (2002): non chiamatela entry level

Panther Kallista (1982): puro vintage

Bentley Arnage (1998): due facce della stessa ammiraglia

Triumph Dolomite Sprint (1973): la sportiva fragile