Auto d'epoca

Cizeta V16T (1991): voleva essere la Diablo

Avrebbe dovuto rimpiazzare la Countach, diventò una delle supercar più rare di sempre

di Marco Coletto -
Cizeta V16T

La Cizeta V16T – svelata ufficialmente nel 1991 – avrebbe dovuto essere la Lamborghini Diablo. Il design di questa vettura è lo stesso che Marcello Gandini aveva pensato per l’erede della Countach ma il progetto fu bocciato in quanto ritenuto troppo “esagerato”.

Cizeta V16T (1991): le caratteristiche principali

La Cizeta V16T nasce nel 1991 grazie alla partnership finanziaria tra l’imprenditore modenese Claudio Zampolli (che battezza il brand con le sue iniziali) e il noto compositore altoatesino Giorgio Moroder. Quest’ultimo si occupa anche di disegnare il logo ma abbandona l’accordo poco dopo il lancio della vettura.

Progettata da un gruppo di ingegneri ex-Lamborghini e disponibile nelle varianti coupé e spider, non ottiene un grande successo di pubblico e viene prodotta in una ventina di esemplari. Dal 2006 la produzione di questo modello è ripartita negli USA.

La tecnica

Il motore della Cizeta V16T è un possente 6.0 V16 montato in posizione posteriore-centrale e abbinato ad un cambio manuale a cinque marce in grado di generare una potenza di 560 CV. Grazie a questa unità la supercar emiliana raggiunge una velocità massima di 328 km/h e accelera da 0 a 100 km/h in quattro secondi.

Le quotazioni

Le quotazioni ufficiali recitano 200.000 euro ma siccome si tratta di una vettura estremamente rara preparatevi a spendere almeno il doppio della cifra per un esemplare in possesso di qualcuno interessato a vendere. Il prezzo è destinato sicuramente a salire nei prossimi anni per via delle numerose “chicche” per appassionati presenti su questa vettura: l’originale motore V16, il design by Gandini e il fatto che avrebbe dovuto essere una sportiva del Toro.

Auto Story

La storia delle sportive V12 Lamborghini: dalla Miura alla Aventador

Le supercar del Toro più pregiate

Auto d'epoca "made in Italy"

Ferrari Pinin: in vendita l’unica Rossa a quattro porte

Ferrari 500 Mondial: la Sport derivata dalla F1

Bianchi S5 1300 (1928): non solo biciclette

Lamborghini 400 GT 2+2 (1966): l’ultima evoluzione della prima auto del Toro

De Tomaso Vallelunga (1964): la prima stradale della Casa modenese