De Tomaso Vallelunga
  • pubblicato il 03-12-2013

De Tomaso Vallelunga (1964): la prima stradale della Casa modenese

di Marco Coletto

Bellissima, leggerissima e rarissima

La De Tomaso Vallelunga rappresenta un pezzo di storia dell’automobilismo italiano: questa coupé è infatti la prima sportiva stradale prodotta dalla Casa modenese. Andiamo alla scoperta di questa rarissima vettura, caratterizzata da un peso ridotto e da un design affascinante.

De Tomaso Vallelunga (1964): le caratteristiche principali

La De Tomaso Vallelunga, svelata nel 1964 e prodotta fino al 1968 in soli 54 esemplari, ha un nome che è un omaggio al circuito situato in provincia di Roma dove il marchio emilano collaudava le proprie vetture da corsa.

Le dimensioni esterne compatte (è lunga poco meno di quattro metri) e il peso contenuto (meno di 800 kg, merito anche della carrozzeria in vetroresina) garantiscono un comportamento estremamente agile nelle curve. Pure troppo, visto che nella guida sportiva la tenuta di strada non è eccezionale.

La De Tomaso Vallelunga nasconde sotto la pelle numerosi componenti provenienti dal mondo delle corse come i quattro freni a disco, i cerchi in magnesio e le scomodissime - ma efficaci -  sospensioni, prese in prestito dalle Formula 3 del brand modenese.

La tecnica

Il motore 1.6 montato in posizione centrale da 104 CV è derivato da quello della Ford Cortina e permette alla vettura di raggiungere una velocità massima di 180 km/h. Negli anni Sessanta era inoltre previsto un kit di potenziamento che consentiva di salire fino a quota 135 CV. Il cambio, montato a sbalzo posteriormente oltre il differenziale, è invece lo stesso della Volkswagen Maggiolino.

Le quotazioni

Le quotazioni della De Tomaso Vallelunga sono destinate ad aumentare nei prossimi anni per via dell’estrema rarità del modello e del fatto che si tratta della prima vettura prodotta dal marchio in grado di poter circolare sulle strade normali. Trovarla non è semplice ma  se doveste riuscire a rintracciarla sappiate che 35.000 euro è un prezzo onesto, sia per chi compra che per chi vende.

De Tomaso Vallelunga (1964): la prima stradale della Casa modenese

L'opinione dei lettori