Auto d'epoca

DKW Sonderklasse Cabriolet 4 posti (1953): scoperta a due tempi

Motore a tre cilindri, peso inferiore a 900 kg e poco più di 1.500 esemplari prodotti

DKW Sonderklasse Cabriolet 4 posti

La DKW Sonderklasse (F91) Cabriolet 4 posti del 1953 è una scoperta dallo stile gradevole in grado di offrire costi di gestione ridotti: merito del motore tre cilindri a due tempi dalla cilindrata contenuta. Scopriamo insieme la storia della “sportiva” tedesca.

DKW Sonderklasse Cabriolet 4 posti (1953): le caratteristiche principali

La DKW Sonderklasse (F91) Cabriolet 4 posti vede la luce nella prima metà degli anni ’50, più precisamente nel 1953, in concomitanza con il lancio della variante berlina. Il design aerodinamico è simile a quello della Meisterklasse (F89) mostrata tre anni prima ma la mascherina (meno elegante) presenta cinque listelli anziché nove.

Leggera (peso inferiore a 900 kg) e spaziosa per i passggeri anteriori, non offre molto spazio alle gambe di chi si accomoda dietro: l’abitacolo presenta però finiture abbastanza curate e parecchi rivestimenti in legno.

Grazie alla trazione anteriore la DKW Sonderklasse (F91) Cabriolet 4 posti del 1953 può vantare un comportamento stradale rassicurante, penalizzato esclusivamente dai freni poco potenti. Il propulsore a due tempi vibra un po’ troppo al minimo mentre salendo di giri regala un sound simile a quello di una moto.

Nell’aprile del 1954 vengono modificati i parafanghi anteriori, a giugno debutta un miscelatore più affidabile mentre nel mese di luglio la plancia in legno viene rimpiazzata da una in acciaio (e il cruscotto viene profondamente rivisto). La produzione termina nel settembre 1955 dopo poco più di 1.500 esemplari assemblati.

La tecnica

Il motore della DKW Sonderklasse (F91) Cabriolet 4 posti è un’unità tre cilindri a due tempi (quindi alimentata dalla miscela olio/benzina) da 0,9 litri abbinata ad un cambio manuale a tre marce in grado di generare una potenza di 34 CV e di spingere la scoperta teutonica fino ad una velocità massima di 100 km/h. La trasmissione a quattro marce entra nel listino degli optional alla fine del 1953.

Le quotazioni

Le quotazioni ufficiali recitano 5.000 euro ma in Germania (l’unico posto in cui è abbastanza facile trovarla) ce ne vogliono 20.000 per entrare in possesso di un esemplare da concorso. Rintracciare modelli non colpiti dalla ruggine è piuttosto difficile e anche l’affidabilità delle altre componenti meccaniche non è il massimo.

Auto Story

Audi, la storia

Oltre 100 anni di evoluzione per il marchio di Ingolstadt

Auto d'epoca tedesche

Perché le Porsche hanno la chiave a sinistra?

Auto Union 1000 Coupé (1958): non solo corse

Mercedes FirstHand Classic: auto storiche garantite

Le Porsche “segrete” in mostra a Stoccarda