Auto d'epoca

Ferrari 208 GTB (1980): la Rossa lenta

Montava un motore 2.0 (per ragioni fiscali) con soli 155 CV. C'è chi la vende a prezzi folli ma solo sotto i 30.000 euro può avere senso acquistarla

Le Ferrari lente esistono e una di queste è la 208 GTB del 1980: questa sportiva del Cavallino, realizzata principalmente per il mercato italiano (sottoposto all’epoca ad un’elevata pressione fiscale sulle vetture oltre i due litri di cilindrata), montava infatti un motore 2.0 da soli 155 CV e raggiungeva una velocità massima di 215 km/h.

È una coupé rara (160 esemplari venduti fino al 1982) ma solo perché (giustamente) poco apprezzata: molti “furbetti” cercano oltretutto di venderla a prezzi assurdi (oltre 60.000 euro) sfruttando il fatto che ha un design identico a quello della 308 GTB e che può vantare il Cavallino sul cofano. Il nostro consiglio è quello di non spendere più di 30.000 euro.

Ferrari 208 GTB (1980): le caratteristiche principali

La Ferrari 208 GTB nasce nel 1980 per venire incontro ai clienti italiani del Cavallino che cercano una sportiva sotto i due litri di cilindrata per risparmiare sulle tasse (piuttosto pesanti sopra questa soglia).

Il design molto seducente (firmato Pininfarina) è lo stesso della 308 GTB mostrata cinque anni prima ma sotto il cofano c’è un propulsore decisamente meno cattivo: un 2.0 V8 aspirato da soli 155 CV.

A parte questo dettaglio (piuttosto rilevante, a dire il vero) la 208 GTB può essere considerata una vera Ferrari: fuori è bellissima e dentro è impossibile non farsi sedurre dal Cavallino sul volante e dalla leva del cambio inserita nel selettore a griglia. Senza dimenticare il comportamento stradale eccezionale: freni potenti, sterzo diretto e una tenuta di strada eccellente.

Le note negative riguardano esclusivamente la versatilità (elemento poco considerato dai clienti tipo della Casa di Maranello): le forme filanti penalizzano la visibilità posteriore e il bagagliaio anteriore è piccolo anche per un weekend in coppia.

Ferrari 208 GTB (1980): la tecnica

Il motore posteriore della Ferrari 208 GTB è uno dei più piccoli V8 mai costruiti: un 2.0 aspirato da 155 CV – derivato da quello della Dino 208 GT4 – con quattro carburatori che consente alla sportiva emiliana di raggiungere una velocità massima di 215 km/h.

Ferrari 208 GTB (1980): le quotazioni

La 208 GTB del 1980 dovrebbe essere una delle Ferrari più accessibili visto che le sue prestazioni non sono all’altezza del blasone del Cavallino (le quotazioni, non a caso, sono basse: 20.000 euro).

Trovarla a queste cifre, però, è impossibile: molti cercano di fare i furbi vendendole a prezzi senza senso (oltre 60.000 euro). L’unico modo per contrastare questi venditori è di non accettare le loro proposte: spendere 30.000 euro per una delle sportive di Maranello più lente di sempre è già tanto.

PanoramautoTV / News

Ferrari California T, il video ufficiale

International Media Test Drive della Ferrari California T

Auto Story

La storia delle berlinette Ferrari

Le "bestseller" del Cavallino

Amarsport

Ferrari, F1 e Schumacher: le foto più belle del periodo 1996-2006

Gli anni d'oro del Cavallino: undici stagioni, undici Mondiali vinti

Passione Ferrari

Ferrari: i cinque piloti più vincenti di sempre

Ferrari California (2011): pregi e difetti della supercar di Maranello

Ferrari 612 Scaglietti (2010): pregi e difetti della supercar di Maranello

Ferrari California: la potenza sale e il peso scende

35 anni di Ferrari V8: linea di sangue