Frazer Convertible
  • pubblicato il 15-07-2014

Frazer Convertible (1949): cabriolet a quattro porte

Alla scoperta di una delle auto americane più originali del secondo dopoguerra: rara ma non difficile da trovare negli USA

La Frazer Convertible del 1949 è una delle auto americane più originali del secondo dopoguerra: poche Case, infatti, si sono cimentate con successo nella realizzazione di cabriolet dotate di quattro porte. Rara (è stata prodotta in poco più di 250 esemplari) ma non difficile da trovare negli USA, si porta a casa con circa 20.000 euro.

Frazer Convertible (1949): le caratteristiche principali

La Convertible nasce nel 1949, tre anni dopo la creazione del marchio Frazer (brand di lusso del gruppo Kaiser-Frazer scomparso già nel 1951). La berlina, mostrata due anni prima, ha un design obsoleto che fatica a conquistare il pubblico e per questa ragione viene deciso di realizzare una variante scoperta.

La cornice dei finestrini laterali fissa penalizza l’eleganza di questo modello, contraddistinto da un livello di finitura eccezionale, da una cura dei dettagli maniacale e da interni raffinatissimi ricchi di pelle e assemblati a mano. Il prezzo di listino alto - unito alle prestazioni deludenti - non favorisce le immatricolazioni.

La tecnica

Il motore della Frazer Convertible del 1949 è un 3.7 a sei cilindri in linea da 114 CV abbinato ad un cambio manuale a tre marce (optional la trasmissione automatica). Un propulsore robusto ma tutt’altro che brioso: 145 km/h di velocità massima e addirittura 22 secondi per accelerare da 0 a 60 miglia orarie (97 km/h).

Le quotazioni

Le quotazioni ufficiali - 20.000 euro - sono molto simili a quelle reali (lo scorso maggio un esemplare ben tenuto è stato venduto ad un’asta nell’Indiana per 27.500 dollari, poco più di 20.000 euro). Pur essendo una vettura rara (abbastanza semplice, comunque, da rintracciare negli States), resta un modello dalla carriera breve (tre anni) che ha un ridotto numero di fan.

Frazer Convertible (1949): cabriolet a quattro porte

L'opinione dei lettori