Auto d'epoca

Isuzu Trooper (1987): dura e pura ma anche comoda

La 4x4 giapponese - più confortevole rispetto alle connazionali ma meno dotata nell'off-road - si trova facilmente a meno di 4.000 euro

La Isuzu Trooper prima generazione restyling – svelata nel 1987 – è una fuoristrada giapponese dura e pura (non chiamatela SUV, potrebbe offendersi) che a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 rappresentò un’alternativa più comoda (ma meno dotata nell’off-road estremo) alle connazionali Mitsubishi, Nissan, Suzuki e Toyota. Oggi si trova abbastanza facilmente a meno di 4.000 euro.

Isuzu Trooper (1987): le caratteristiche principali

La Isuzu Trooper viene presentata ufficialmente nel 1981 e i primi esemplari (pochissimi) vengono commercializzati in Italia tre anni più tardi grazie alla filiale nostrana della General Motors ma è solo nel 1987 – in occasione del restyling – che grazie a dazi doganali meno severi sbarca ufficialmente nei nostri listini.

I punti di forza di questa 4×4 sono parecchi: il cambio a cinque marce (che contribuisce a mantenere i consumi di carburante ad un livello accettabile) e il comfort di marcia, superiore a quello delle rivali dell’epoca. Tra le note negative segnaliamo invece le prestazioni deludenti, il comportamento stradale (poco rassicurante) e quello in fuoristrada (va in crisi sui percorsi più duri) e le finiture non molto curate.

Isuzu Trooper (1987): la tecnica

La Isuzu Trooper del 1987 – commercializzata fino al 1991 – è disponibile a tre (4,28 metri di lunghezza) o a cinque porte (4,63 metri) e monta un motore turbodiesel piuttosto fiacco: un 2.2 turbodiesel da 72 CV che permette alla fuoristrada giapponese di raggiungere una velocità massima di soli 130 km/h.

Isuzu Trooper (1987): le quotazioni

La prima generazione restyling della Isuzu Trooper – venduta dal 1987 al 1991 – è un mezzo interessante per gli appassionati di fuoristrada d’epoca e si trova abbastanza facilmente. Le quotazioni recitano 2.000 euro ma in realtà è impossibile trovarla a meno di 3.000.

Parigi 2012

Isuzu D-Max: il pick-up inarrestabile

Due o quattro porte, trazione posteriore o integrale e un ampio cassone

Auto d'epoca giapponesi

Subaru Forester 2.0 Turbo (2002): station wagon o SUV?

Datsun 280ZX (1978): la sportività parla giapponese

Nissan Patrol GR TD (1988): l’inarrestabile

Subaru Outback (1999): station wagon o SUV?

Nissan 200/240 SX (1989): le regine del drift