Kia Sportage
  • pubblicato il 08-03-2016

Kia Sportage (1995): SUV d'epoca

La prima generazione di una delle Sport Utility più amate ha fatto conoscere il marchio coreano in Europa

La prima generazione della Kia Sportage - nata nel 1993 ma sbarcata nei listini italiani nel 1995 - è stata determinante per far conoscere il marchio coreano in Europa. Questa SUV - “mamma” di una serie di modelli apprezzatissimi in tutto il mondo - può avere un futuro come auto d’epoca: è stata la prima vettura del brand asiatico assemblata nel Vecchio Continente. Oggi analizzeremo la prima versione lanciata in assoluto (quella più interessante dal punto di vista storico), facile da trovare a meno di 2.000 euro.

Kia Sportage (1995): le caratteristiche principali

La Kia Sportage che arriva in Italia nel 1995 - costruita in Germania dal carrozziere Karmann - si fa subito notare dai nostri connazionali: merito del design moderno e tondeggiante e di un prezzo contenuto.

Nonostante le forme da fuoristrada (ruota di scorta sporgente) e la trazione integrale (posteriore + anteriore inseribile) non è adatta all’off-road duro e puro - come tutte le SUV, d’altronde - ma chi si aspetta il comfort offerto dalle generazioni arrivate dopo può rimanere deluso visto che su asfalto è piuttosto rumorosa e ruvida.

Kia Sportage (1995): la tecnica

La Kia Sportage del 1995 (unico anno da noi preso in considerazione in quanto quello del lancio nel nostro Paese) è disponibile esclusivamente a cinque porte e monta un motore 2.0 aspirato a benzina di origine Mazda da 128 CV. Anche la base tecnica arriva dalla Casa giapponese e più precisamente dal veicolo commerciale Bongo.

Kia Sportage (1995): le quotazioni

Acquistare una Sportage del 1995 può essere un vero affare: questa SUV asiatica si trova facilmente, ha quotazioni basse (meno di 2.000 euro), può vantare un design ancora oggi gradevole ed è molto importante dal punto di vista storico perché è grazie a lei che la Casa coreana è diventata un colosso automobilistico.

Kia Sportage (1995): SUV d'epoca

L'opinione dei lettori