Marcos Mantis
  • pubblicato il 11-10-2016

Marcos Mantis (1970): l'auto più brutta di sempre

La rarissima sportiva britannica aveva un design sconcertante

La Marcos Mantis - nata nel 1970 - può essere tranquillamente considerata l’auto più brutta di sempre. Questa rarissima coupé britannica - prodotta in 32 esemplari (ma ne circolano ancora solo poco più di 10) - ha quotazioni che recitano 10.000 euro, anche se in realtà per portarsela a casa bisogna sborsarne come minimo 15.000.

Marcos Mantis (1970): le caratteristiche principali

La Mantis è una coupé 2+2 realizzata nel 1970 dalla Casa inglese Marcos (fondata nel 1959 e scomparsa, dopo svariati tentativi di rianimazione, nel 2007).

Prodotta in soli 32 esemplari fino al 1971 (anno in cui il brand chiude per ragioni economiche), viene - giustamente - ignorata dal pubblico: colpa soprattutto del design sproporzionato (caratterizzato da linee improbabili e da un tanto gigantesco quanto inutile sbalzo posteriore) e della scarsa affidabilità.

Tra i punti di forza della Marcos Mantis del 1970 segnaliamo invece l’ottima visibilità, il buon comportamento stradale, il bagagliaio ampio e un abitacolo spazioso, costruito con cura e, a differenza della carrozzeria, esteticamente gradevole.

Marcos Mantis (1970): la tecnica

Il motore della Marcos Mantis del 1970 - l’auto più brutta di sempre - è lo stesso 2.5 a sei cilindri in linea da 152 CV adottato dalla Triumph TR6 abbinato ad un cambio manuale a quattro marce.

Marcos Mantis (1970): le quotazioni

Le quotazioni della Marcos Mantis del 1970 recitano 10.000 euro ma in realtà per acquistarla è impossibile sborsare meno di 15.000 euro. Il ridotto numero di esemplari a disposizione (32 costruiti, poco più di 10 ancora circolanti) la rende introvabile: è interessante dal punto di vista storico solo perché è rara.

Marcos Mantis (1970): l'auto più brutta di sempre

L'opinione dei lettori