Auto d'epoca

MG B GT (1974): troppa plastica

L'ultima evoluzione della coupé britannica si trova facilmente a meno di 10.000 euro

La MG B GT – variante coupé di una delle sportive più amate di sempre – è un mezzo molto interessante per chi vuole iniziare ad avventurarsi nel magico mondo delle auto d’epoca. L’ultima evoluzione della 2+2 britannica – svelata nel 1974 – è quella più accessibile (si trova senza problemi a meno di 10.000 euro) ma è anche quella esteticamente meno riuscita: colpa della troppa plastica presente fuori e dentro.

MG B GT (1974): le caratteristiche principali

L’ultimo restyling della MG B GT vede la luce nel 1974 e si distingue esteticamente dalle serie precedenti per i poco gradevoli paraurti in plastica, introdotti per rispettare le normative di sicurezza statunitensi.

Divertente da guidare ma contraddistinta da interni troppo “plasticosi” e da una carrozzeria non adeguatamente protetta dalla ruggine, è una coupé adatta a chi non può rinunciare alla versatilità: merito del pratico portellone e dell’ampio bagagliaio (specialmente quando si abbattono i sedili posteriori, adatti solo a dei bambini).

MG B GT (1974): la tecnica

Il motore dell’ultima serie della MG B GT – prodotta dal 1974 al 1980 – è un 1.8 in grado di generare una potenza di oltre 85 CV.

Il comportamento stradale dei primi esemplari è penalizzato dall’assetto rialzato (sempre per ragioni di sicurezza) che incrementa il rollio e il sovrasterzo. La situazione migliora nel 1976 con l’introduzione di barre antirollio anteriori e posteriori ma stiamo pur sempre parlando di una sportiva degli anni ’70 a trazione posteriore: un mezzo che solo i guidatori più esperti possono sfruttare al 100%.

MG B GT (1974): le quotazioni

La terza evoluzione della MG B GT – quella prodotta dal 1974 al 1980 – è quella meno apprezzata: si trova facilmente a meno di 10.000 euro e spendere più di questa cifra per acquistarla non ha molto senso a nostro avviso. Consigliamo di puntare sugli esemplari neri (tinta che nasconde maggiormente i paraurti in plastica) e di evitare i modelli immatricolati dal 1975 in poi che presentano il frontale delle serie precedenti: significa che sono stati modificati.

Auto Story

La storia dell'ultima spider MG

L'Odissea della roadster britannica

Auto Story

Dalla Austin Montego alla MG ZT, la storia delle berline Rover

Le ultime tre volumi del defunto colosso britannico

Auto d'epoca britanniche

Rover 220 TD (1997): una diesel quasi sportiva

Land Rover 109 IIA (1961): pronta a tutto

Caterham 21 (1994): la Seven più pratica

SS 1 (1931): la prima Jaguar

Lanchester 14 (1937): la cugina della Daimler