Auto d'epoca

Moskvitch 2136 e 2137 (1976): dalla Russia con terrore

Due station wagon sovietiche: design identico, motori diversi

Le Moskvitch 2136 e 2137 sono due station wagon compatte sovietiche nate nel 1976 identiche nello stile e con due motori diversi sotto il cofano.

Oggi, nonostante siano introvabili in Italia, queste familiari russe hanno quotazioni molto basse (inferiori a 1.000 euro). Il motivo? La scarsa qualità costruttiva delle vetture d’oltrecortina.

Moskvitch 2136 e 2137 (1976): le caratteristiche principali

La Moskvitch 2137 – variante station wagon della 2140 – vede la luce nel 1976 e si distingue dalla 2136 svelata l’anno seguente (versione familiare della 2138) per il motore più potente e per le finiture più curate (plancia con un design più moderno e sedili con appoggiatesta).

Lunghe 4,21 metri, hanno uno stile piuttosto antiquato (come dimostrano le pinne posteriori passate di moda una quindicina d’anni prima) e non sono il massimo dell’affidabilità.

Moskvitch 2136 e 2137 (1976): la tecnica

I motori montati dalle Moskvitch 2136 e 2137 (entrambe a trazione posteriore) sono poco potenti e molto assetati di benzina. La 2137 del 1976 – la più interessante dal punto di vista storico – monta un 1.5 da 75 CV mentre la 2136 del 1977 ospita sotto il cofano un più obsoleto 1.4 da 50 CV.

Moskvitch 2136 e 2137 (1976): le quotazioni

Le Moskvitch 2136 e 2137 sono introvabili in Italia (più semplice rintracciarle nell’Europa dell’Est) e hanno quotazioni molto basse (meno di 1.000 euro). Le due station wagon sovietiche possono risultare interessanti dal punto di vista storico solo per gli appassionati di auto provenienti dall’ex URSS.

Auto d'epoca esteuropee

ARO M 461 C (1969): la Jeep romena

LuAZ Volin 969 (1979): la piccola 4×4 sovietica

ARO Serie 240 (1972): la nonna della Dacia Duster