• pubblicato il 19-12-2014

La storia Zagato in mostra a Torino

Il Museo dell'Automobile del capoluogo piemontese celebra, fino al 15 marzo 2015, i 95 anni dello storico atelier milanese

La mostra Zagato: Collectibles and Design since 1919 in programma al Museo dell’Automobile di Torino fino al 15 marzo 2015 è un appuntamento imperdibile per gli appassionati delle quattro ruote e del design. Un evento che celebra i 95 anni del mitico atelier lombardo attraverso nove modelli (cinque d’epoca e quattro moderni) che hanno segnato la storia di questo brand simbolo del “made in Italy”.

I cinque modelli d’antan presenti nel capoluogo piemontese sono tutti italiani - Alfa Romeo 6C 1500 GS Testa Fissa Zagato (1934), Lancia Aprilia Sport Zagato (1937), Maserati A6G/54 Zagato (1954), Lancia Flavia Super Sport Zagato (1967) e Alfa Romeo SZ (1989) - mentre per quanto riguarda le quattro vetture realizzate in questo decennio (Alfa Romeo TZ3 Stradale del 2011, Fiat 500 Coupé Zagato del 2011, BMW Zagato Coupé del 2012 e Aston Martin Virage Shooting Brake del 2014) non mancano proposte straniere.

In occasione della mostra Zagato: Collectibles and Design since 1919 è stato anche pubblicato da Giorgio Nada Editore il libro commemorativo “Zagato Milano 1919-2014” (208 pagine, 40 euro). Il Museo dell’Automobile di Torino (corso Unità d’Italia 40), è aperto il lunedì’ dalle 10 alle 14, il martedì dalle 14 alle 19, il mercoledì, il giovedì e la domenica dalle 10 alle 19 e il venerdì e il sabato dalle 10 alle 21. Uniche eccezioni i giorni di Natale e Capodanno (dalle 14 alle 19), il 31 dicembre e il 5 gennaio (dalle 10 alle 14) e l’Epifania (dalle 10 alle 19).

I prezzi dei biglietti? 8 euro (12 euro dal 2015) l’ingresso intero, 6 euro (8 euro dal prossimo anno) quello ridotto (over 65, ragazzi dai 6 ai 14 anni, disabili, gruppi oltre le 15 persone, studenti universitari con tesserino e altre categorie), 2,50 euro per le scuole e gratuito per i minori di 6 anni. Per maggiori informazioni www.museoauto.it.

La storia Zagato in mostra a Torino

L'opinione dei lettori