Auto d'epoca

NSU 1200 (1967): la super Prinz

Motore vivace e poco assetato, tenuta di strada precaria

La NSU 1200 – nata nel 1967 – non è altro che una Prinz più grossa e più spaziosa: una berlina a due porte lunga esattamente quattro metri caratterizzata dalla formula “tutto dietro” (motore posteriore e trazione posteriore). Facile da trovare in Germania e nel Regno Unito, si porta a casa con 5.000 euro.

NSU 1200 (1967): le caratteristiche principali

La NSU 1200 vede la luce del 1967 ed è un’evoluzione della Typ 110 mostrata due anni prima (che a sua volta è una Prinz con il passo più lungo e con un bagagliaio più grande). Contraddistinta da un design poco seducente, può vantare bassi costi di gestione, una buona resistenza alla ruggine e un motore vivace e poco assetato. Viene prodotta fino al 1973 in oltre 250.000 esemplari

Tra le note negative segnaliamo lo sterzo poco sensibile, il comfort penalizzato dalle forti vibrazioni provenienti dal propulsore e dalle sospensioni piuttosto rigide e la tenuta di strada precaria (forte sovrasterzo generato dal motore posteriore e dalla trazione posteriore).

NSU 1200 (1967): la tecnica

Il motore della NSU 1200 è un 1.2 raffreddato ad aria montato in posizione posteriore da 54 CV abbinato ad un cambio manuale a quattro marce: un’unità brillante (145 km/h di velocità massima) e pronta ai bassi regimi che le la cava egregiamente in ogni condizione.

NSU 1200 (1967): le quotazioni

La NSU 1200 non è facile da trovare in Italia ma è abbastanza semplice rintracciare esemplari ben conservati in Germania e nel Regno Unito a circa 5.000 euro.

Auto d'epoca

NSU Sport Coupé (1959): sportiva in miniatura

La versione biposto della Prinz disegnata da Bertone costa meno di 10.000 euro

Auto d'epoca

ACI Storico: la lista delle auto d'epoca meritevoli

340 modelli con almeno 20 anni di anzianità ai quali le assicurazioni continueranno a riconoscere ogni beneficio indipendentemente dall'adesione ad un club

Auto d'epoca tedesche

Alpina-BMW D10 (2001): oltre la 530d

Volkswagen Porsche 914 1.8 (1973): tra Wolfsburg e Stoccarda

Mercedes 560 SEL (1986): la Stella più splendente

DKW Sonderklasse Cabriolet 4 posti (1953): scoperta a due tempi

Perché le Porsche hanno la chiave a sinistra?