Bertha Benz
  • pubblicato il 05-09-2013

Bertha Benz, la prima donna dell'auto

di Marco Coletto

Storia della prima persona ad aver guidato un'automobile su una lunga distanza

Bertha Benz (nata Ringer) è la prima donna dell'auto. Grazie al suo viaggio di quasi 100 chilometri effettuato nel 1888 al volante della Patent Motorwagen (la prima vettura di sempre) progettata dal marito il mondo ha capito l'importanza dell'automobile. Scopriamo insieme la sua storia.

Bertha Benz: la biografia

Bertha Benz nasce a Pforzheim (Germania) il 3 maggio 1849. Terza di nove figli di un carpentiere, conosce Karl Benz (che nel 1886 inventerà la prima automobile) nel 1870, lo aiuta finanziariamente a sviluppare la sua attività nel periodo di fidanzamento e lo sposa il 28 luglio 1872.

Nello stesso anno assiste alla nascita del primo motore a scoppio mentre l'anno successivo vede la luce il primo figlio Eugen. Seguiranno Richard (1874), Clara (1877), Thilde (1882) e Ellen (1890).

La crisi

L'attività del marito inizialmente non ha successo e per questo motivo la famiglia Benz si trova costantemente priva di soldi: Bertha contribiusce fin che può ma ad un certo punto si ritrovano nullatenenti.

Bertha crede fortemente nell'automobile e nel 1888, all'insaputa del marito, carica i due figli più grandi sulla Patent Motorwagen ideata da Karl e percorre i circa 100 chilometri che separano Mannheim da Pforzheim.

Il primo viaggio

Il viaggio di Bertha Benz è tutt'altro che facile: per fare il pieno di carburante si reca in una farmacia di Wiesloch che ancora oggi è considerata il primo distributore di benzina della storia e non mancano le soste presso bagni pubblici e fontane per l'acqua necessaria per il raffreddamento.

Il motore da 2,5 CV è inadatto a sopportare le salite e per questa ragione Eugen e Richard devono spesso scendere dalla vettura e spingere. In seguito a questa esperienza Bertha consiglia al marito di inserire una marcia più corta per superare meglio le pendenze.

Solo dopo l'arrivo a Pforzheim informa il marito con un telegramma e torna a casa il giorno seguente. L'impresa di Bertha Benz porta moltissima pubblicità a Karl e alla sua vettura: nel giro di breve tempo i mezzi di trasporto dotati di propulsore a scoppio entrano a far parte della quotidianità e vengono acquistati anche dai più irriducibili oppositori.

L'ultimo viaggio

Bertha rimane vedova nel 1929 e muore il 5 maggio 1944 a Ladenburg (Germania). Nel 2008, in suo onore, viene creata la Bertha Benz Memorial Route: una strada turistica di 194 km che passa per i luoghi attraversati da Bertha.

Bertha Benz, la prima donna dell'auto

L'opinione dei lettori