Personaggi

Giovanni Michelotti, un designer in anticipo sui tempi

Storia dello stilista torinese, tra i primi a scegliere di lavorare come freelance

di Marco Coletto -
Giovanni Michelotti

Giovanni Michelotti non è stato solo il designer della mitica Triumph Spitfire. Questo stilista torinese – particolarmente prolifico – andrebbe infatti ricordato anche per moltissimi altri modelli di successo e per il suo modo di lavorare – freelance in un panorama automobilistico che vedeva la stragrande maggioranza dei disegnatori legati ad un solo brand – in anticipo sui tempi.

Giovanni Michelotti: la biografia

Giovanni Michelotti nasce il 6 ottobre 1921 a Torino e a soli 15 anni trova lavoro come garzone presso gli Stabilimenti Farina. Nell’azienda torinese impara il mestiere e il suo talento inizia ad essere apprezzato: a soli 25 anni decide di mettersi in proprio collaborando con numerose Case automobilistiche.

Talento e dedizione al lavoro

Talento, dedizione al lavoro e velocità di esecuzione dei progetti: sono questi i punti di forza di Giovanni. All’inizio degli anni Cinquanta rifiuta l’offerta di diventare direttore del Centro Stile General Motors a Detroit (contratto in bianco) per mantenere la propria libertà e al Salone di Torino del 1954 ben 40 anteprime mondiali sono opera sua.

Nella seconda metà degli anni Cinquanta Giovanni Michelotti inizia a collaborare con aziende tedesche e britanniche: rivede quasi completamente la gamma BMW (con modelli come la 700 e la New Class) e Triumph (tre i modelli degni di nota: Spitfire, Stag e Dolomite).

Fine carriera

Negli anni Settanta Michelotti punta su uno stile più squadrato creando, nel 1972, uno dei suoi modelli più noti: la DAF 66. Giovanni, che per tutta la sua vita ha sempre lavorato in proprio senza mai voler essere legato ai vincoli di un rapporto fisso con un’azienda, scompare a Torino il 23 gennaio 1980.

Personaggi

Flaminio Bertoni, il papà delle più belle Citroën

Storia del designer varesino, più apprezzato in Francia che in Italia

Design italiano

Paolo Martin, il “ragazzo prodigio” del design

Mario Revelli di Beaumont: la nobiltà nel design

Felice Mario Boano, il car design nella sua forma migliore

Leonardo Fioravanti: il papà delle Ferrari più belle

Aldo Brovarone: designer “vecchio stile”