Kjell Qvale
  • pubblicato il 06-03-2014

Kjell Qvale, il vichingo dell'auto

di Marco Coletto

Storia dell'imprenditore norvegese, protagonista del mondo delle quattro ruote

L’imprenditore norvegese Kjell Qvale, scomparso lo scorso novembre, è stato un protagonista nel mondo delle quattro ruote ed è conosciuto soprattutto nel Regno Unito e negli USA. Scopriamo insieme la sua storia.

Kjell Qvale: la biografia

Kjell Qvale nasce il 17 luglio 1919 a Trondheim (Norvegia) e si trasferisce negli Stati Uniti a soli dieci anni. Durante la Seconda Guerra Mondiale pilota aerei cargo e trasporta forniture alla Marina americana.

Il debutto come importatore

Nel 1946, dopo aver visto per strada una MG, decide di importare queste sportive inglesi in California pur senza avere la passione per le automobili. Fonda a San Francisco la British Motor Car Distributors e aggiunge al proprio business altri marchi britannici come Austin, Jaguar, Morris e Rolls-Royce.

La sua azienda cresce a vista d’occhio e nel giro di pochi anni amplia ulteriormente i propri affari con altri brand tedeschi (Porsche e Volkswagen) e italiani (De Tomaso, Lamborghini e Maserati).

Pebble Beach e Laguna Seca

Kjell Qvale si ritaglia un posto d’onore nel mondo delle auto d’epoca nel 1950 quando inventa il concorso d’eleganza di Pebble Beach. Nel 1956, invece, contribuisce alla realizzazione del circuito di Laguna Seca disegnando la mitica curva “cavatappi”.

L’avventura come costruttore

Nel 1970 Kjell si trova in difficoltà in seguito alla decisione della Austin-Healey di sospendere la produzione della Sprite, uno dei modelli più venduti tra quelli importati negli States dall’imprenditore scandinavo. Per rimediare acquista il pacchetto di maggioranza della Jensen (che assemblava la vettura), nomina amministratore delegato della società il designer Donald Healey - che riceveva royalties per ogni esemplare venduto della scoperta britannica - e realizza nel 1972 la Jensen-Healey.

Nella seconda metà degli anni Settanta Kjell Qvale prova anche ad acquistare la Rolls-Royce ma senza successo.

Mettersi in proprio

Nel 1998 Kjell e i suoi figli Jeff e Bruce acquistano dalla De Tomaso i diritti per produrre la supercar Mangusta e la vendono con il marchio Qvale sul cofano. Tre anni più tardi la fabbrica viene ceduta al gruppo MG Rover.

Kjell Qvale muore il 2 novembre 2013 a San Francisco (USA).

Kjell Qvale, il vichingo dell'auto

L'opinione dei lettori