• pubblicato il 15-08-2013

Tom Tjaarda: un americano a Torino

di Marco Coletto

Storia del designer statunitense, creatore delle più belle automobili italiane (e non solo)

Tom Tjaarda - che il prossimo anno compirà 80 anni - è uno dei designer automobilistici americani più famosi del mondo. Nel corso della sua lunga carriera ha creato le auto italiane più seducenti, ma si è cimentato con successo anche con altre Case. Scopriamo insieme la sua storia.

Tom Tjaarda: la biografia

Tom Tjaarda nasce a Detroit (USA) il 23 luglio 1934. Figlio d'arte (il padre John, olandese trasferito negli Stati Uniti, realizza diversi modelli per il Gruppo Ford negli anni Trenta), si laurea in architettura nel 1958 all'università del Michigan e un suo progetto di familiare sportiva viene notato da Luigi Segre, responsabile dello stile alla Ghia.

Il trasferimento in Italia

Tom ottiene uno stage di due anni a Torino presso il carrozziere piemontese: durante quel periodo realizza la monorotaia per l'esibizione "Italia 61".

Nel 1961 Tom Tjaarda viene assunto da Pininfarina: nel corso degli anni Sessanta realizza diversi modelli per l'atelier torinese tra cui le Ferrari 330 e 365 California e la Fiat 124 Sport Spider.

Ghia e Ford

Dopo una breve esperienza alla O.S.I. e alla Ital Styling - società creata da Giorgetto Giugiaro che successivamente verrà ribattezzata Italdesign - nel 1968 Tjaarda viene nominato responsabile design alla Ghia.

Negli anni Settanta Tom Tjaarda si occupa soprattutto delle De Tomaso - la Deauville, la Pantera e la Longchamp - ma il suo progetto di una piccola Ford viene trasformato (senza troppe modifiche) nella prima generazione della Fiesta.

L'avventura in Fiat

Tom diventa nel 1978 direttore dell'Advanced Design Studio del Gruppo Fiat: supervisiona il progetto della Autobianchi Y10 e quelli della Croma e della Lancia Thema disegnati da Giugiaro.

L'attività in proprio

Nel 1982 Tom Tjaarda lavora per la Rayton Fissore e realizza il fuoristrada Magnum mentre due anni più tardi si mette in proprio fondando la Dimensione Design, società ribattezzata Tjaarda Design nel 2003.

Tom Tjaarda: un americano a Torino

L'opinione dei lettori