• pubblicato il 13-11-2011

DR dr5 2.0 4WD (2009)

di Marco Coletto

Bastano poco più di 10.000 euro per portarsi a casa la SUV "low-cost" cino-molisana.

La DR dr5 2.0 4WD è l'ideale per chi affronta spesso percorsi off-road ma non ha molti soldi a disposizione. Bastano infatti poco più di 10.000 euro per portarsi a casa un esemplare del 2009 della SUV cino-molisana (assemblata a Macchia d'Isernia con componenti orientali). Scopriamo i pregi e i difetti.

ABITABILITÀ - Le dimensioni esterne ingombranti (4,29 metri) consentono di ricavare un abitacolo spaziosissimo per i passeggeri posteriori. Oltretutto il divano è scorrevole.

FINITURA - Insufficiente. I materiali sono di scarsa qualità e gli assemblaggi presentano numerose imprecisioni.

DOTAZIONE DI SERIE - Ricca: autoradio, cerchi in lega, climatizzatore, fendinebbia, interni in pelle, tetto apribile e vernice metallizzata.

CAPACITÀ BAGAGLIAIO - Buona: 315 litri che diventano 1.275 quando si abbattono i sedili posteriori. Ideale per le coppie con un figlio.

POSTO GUIDA - Il sedile è esageratamente morbido e nelle curve prese ad alta velocità il sedere scivola.

CLIMATIZZAZIONE - L'impianto datato è caratterizzato da comandi poco intuitivi.

SOSPENSIONI - Morbide al punto giusto: sono particolarmente adatte ai lunghi viaggi autostradali.

RUMOROSITÀ - Elevata. Colpa dell'abitacolo che fatica ad attenuare i rumori provenienti dall'esterno: aerodinamici e del propulsore.

MOTORE - Il 2.0 a benzina da 128 CV e 137 Nm di coppia (tanti) offre una buona spinta già ai bassi regimi e diventa vivace intorno a quota 4.000 giri. Peccato che abbia una cilindrata elevata e sia ancora Euro 4.

CAMBIO - La trasmissione manuale a cinque marce è penalizzata da una leva poco precisa.

STERZO - Molto deludente. In città è ancora accettabile ma quando si esce dai confini urbani e si aumenta la velocità emergono tutti i problemi derivanti dall'eccessiva leggerezza del comando.

PRESTAZIONI - Non molto convincenti: 180 km/h di velocità massima e 12,5 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h.

DOTAZIONE DI SICUREZZA - Carente. Rispondono "presente" all'appello solo l'ABS e i due airbag. L'ESP? Assente ingiustificato.

VISIBILITÀ - Quella posteriore è ostacolata dagli appoggiatesta ingombranti.

FRENI - Gli spazi d'arresto sono particolarmente lunghi: fate attenzione.

TENUTA DI STRADA - L'assenza di controlli elettronici causa un evidente sottosterzo quando si guida in modo allegro. Senza dimenticare il vistoso rollio.

PREZZO - Da nuova costava 18.981 euro, oggi si trova con difficoltà a circa 10.450 euro. Poco meno di una Fiat Panda 1.2 MyLife appena uscita dal concessionario.

TENUTA DEL VALORE - Scarsa. La maggior parte dei clienti dr5 ha optato per i modelli a gas ed è praticamente impossibile trovare di seconda mano (o rivendere) una 4x4 due litri a benzina.

CONSUMO - Altissimo: 11,2 km/l.

GARANZIE - La copertura globale è terminata nel 2011 (ma può essere ancora valida, dipende dal mese di immatricolazione). Quella sulla verniciatura scadrà nel 2012 mentre quella sulla corrosione nel 2015.

DR dr5 2.0 4WD (2009)

L'opinione dei lettori