Land Rover Defender
  • pubblicato il 23-12-2011

Land Rover Defender 90 (2006): pregi e difetti della fuoristrada inglese

di Marco Coletto

In cinque anni l'icona british delle 4x4 ha mantenuto elevate le proprie quotazioni.

La Land Rover Defender è un'auto che non ha problemi di svalutazione. Il valore di una 90 SE del 2006 è infatti calato solo del 37% in cinque anni. Oggi la fuoristrada britannica (non è una SUV), un'icona nel mondo delle 4x4, si trova facilmente a 17.500 euro. Scopriamo i pregi e i difetti.

ABITABILITÀ - In soli 3,88 metri di lunghezza ci stanno ben sei persone. Due davanti e quattro su seggiolini laterali non molto comodi. Per salire a bordo bisogna quasi "scalare" la vettura.

FINITURA - Essenziale. La plancia è progettata in modo da resistere a tutto ma i pulsanti sono spesso soggetti a guasti.

DOTAZIONE DI SERIE - Solo l'autoradio è compresa nel prezzo.

CAPACITÀ BAGAGLIAIO - 400 litri che diventano 1.400 in configurazione a due posti. Chi si accomoda dietro deve convivere con le valigie.

POSTO GUIDA - Scomodissimo. C'è poco spazio a disposizione del braccio sinistro e oltretutto i comandi sono tutt'altro che ergonomici.

CLIMATIZZAZIONE - L'impianto impiega tantissimo tempo a modificare la temperatura dell'abitacolo e la regolazione dei flussi d'aria non prevede vie di mezzo. O troppo potenti o troppo poco.

SOSPENSIONI - Ogni sconnessione viene chiaramente avvertita dagli occupanti. Il suo habitat sono i terreni sterrati percorsi alla più bassa velocità possibile.

RUMOROSITÀ - Particolarmente evidente: il propulsore è fracassone e la forma poco aerodinamica della carrozzeria genera fruscii fastidiosi.

MOTORE - Il 2.5 turbodiesel Td5 a cinque cilindri Euro 3 da 122 CV e 300 Nm di coppia regala una spinta sorprendente intorno ai 2.000 giri. Ideale per tirarsi fuori dagli ostacoli imprevisti.

CAMBIO - La trasmissione manuale a cinque marce più ridotte è perfetta per l'utilizzo in off-road. La leva, oltretutto, è maneggevole.

STERZO - La precisione non è il suo forte: risponde in ritardo ai comandi impartiti dal guidatore.

PRESTAZIONI - 130 km/h e 16 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h. Su asfalto delude, in "off-road" sorprende.

DOTAZIONE DI SICUREZZA - Praticamente Inesistente. L'airbag del guidatore non è nemmeno disponibile come optional mentre il controllo di trazione era presente nell'elenco degli accessori.

VISIBILITÀ - Nonostante l'elevata altezza da terra e le dimensioni esterne compatte non è semplice da parcheggiare. La ruota posteriore sporgente occupa parte del lunotto.

FRENI - Non aspettatevi gli spazi d'arresto di una sportiva ma nemmeno quelli di una fuoristrada "low-cost" appartenente ad un brand poco blasonato.

TENUTA DI STRADA - Su asfalto è consigliabile non superare i 100 chilometri orari, nelle situazioni più impervie è imbattibile.

PREZZO - Da nuova costava 27.835 euro, oggi si trova facilmente a 17.500 euro. Quanto una Dacia Duster 1.5 dCi 90 CV 4x4 Lauréate appena uscita dal concessionario.

TENUTA DEL VALORE - La Defender è un assegno circolare: è adorata e richiesta dagli appassionati di fuoristrada. In qualunque condizione si trovi il mezzo basta un attimo per trovare acquirenti interessati.

CONSUMO - 10 km/l: nella media della categoria.

GARANZIE - La copertura globale è scaduta nel 2009 mentre quella sulla corrosione terminerà nel 2012.

Land Rover Defender 90 (2006): pregi e difetti della fuoristrada inglese

L'opinione dei lettori