• pubblicato il 14-04-2014

Bentley Azure (2006): pregi e difetti della supercar britannica

L'ultima evoluzione dell'esclusiva scoperta inglese si porta a casa con poco più di 100.000 euro ma è introvabile

L’ultima evoluzione della Bentley Azure - svelata nel 2006 - non è facile da trovare visto che la maggior parte dei clienti ha preferito optare per gli esemplari della prima serie. La cabriolet britannica resta tuttavia una supercar che non può mancare nel garage di un vero appassionato (naturalmente facoltoso): pochi modelli, infatti, sanno unire in maniera così magistrale lusso e prestazioni. Scopriamo insieme i pregi e i difetti di questa sportiva.

Pregi

Abitabilità

Una sportiva che supera abbondamentemente i cinque metri di lunghezza (5,41, per la precisione) e i tre metri di passo (3,12) non può non regalare un abitacolo ampio e accogliente. Quattro i posti a sedere.

Finitura

Trovare qualche componente di plastica a bordo è quasi impossibile: tutto è rivestito con pelle e legno.

Dotazione di serie

Non manca nulla.

Capacità bagagliaio

Il vano di 310 litri accoglie senza problemi le valigie di una coppia e anche quelle di un eventuale terzo passeggero.

Posto guida

Creato per coccolare il pilota: sedile avvolgente, comandi ben posizionati e tanta, tantissima, classe.

Climatizzazione

L’impianto - ottimo - è penalizzato esclusivamente dalle bocchette piccole.

Sospensioni

Si adattano perfettamente a qualsiasi condizione dell’asfalto.

Rumorosità

Ai bassi regimi regala piacevoli vibrazioni, agli alti romba che è un piacere (senza essere mai fastidiosa).

Motore

ll 6.8 V8 da 456 CV e 875 Nm di coppia è molto elastico (inizia a spingere già a quota 3.000) ma la sua forza si esaurisce già intorno ai 5.000 giri.

Cambio

La trasmissione automatica a quattro rapporti è tutt’altro che brusca nei passaggi marcia ma non è l’ideale per gli amanti del divertimento.

Prestazioni

Mostruose: 270 km/h di velocità massima e 6,3 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Freni

Non molto potenti ma decisamente robusti.

Tenuta di strada

Il controllo di stabilità e quello di trazione aiutano a garantire un comportamento rassicurante nelle curve.

Tenuta del valore

Elevata: tutte le Bentley sono da sempre apprezzatissime.

Difetti

Sterzo

Il comando è poco comunicativo.

Dotazione di sicurezza

Airbag frontali e laterali, ESP e controllo di trazione. Niente cuscini per la testa (rari da trovare su una scoperta, ma non così tanto).

Visibilità

Parcheggiare una vettura così ingombrante è parecchio complicato. Per fortuna i sensori facevano parte della dotazione di serie.

Prezzo

Da nuova costava 343.000 euro, mentre oggi le quotazioni recitano 110.000 euro: poco più di una Porsche 911 Carrera Cabriolet appena uscita dal concessionario.

Consumo

Gli otto cilindri bevono parecchio: 5,6 km/l dichiarati.

Garanzie

Le coperture sono terminate nel 2009.

Scopri tutto il listino Bentley.

Bentley Azure (2006): pregi e difetti della supercar britannica

L'opinione dei lettori