• pubblicato il 09-11-2015

Bentley Azure (2006): cinque buone ragioni per acquistarla (e cinque per non farlo)

L'elegante cabriolet britannica costa come un monolocale a Milano e può essere un investimento

L’ultima generazione della Bentley Azure - presentata nel 2006 - può essere un investimento: l’elegante cabriolet britannica costa come un monolocale a Milano (130.000 euro), si trova abbastanza facilmente e ha una tenuta del valore piuttosto elevata. Di seguito vi mostreremo cinque buone ragioni per acquistare la sportiva inglese e altre cinque buone ragioni per non farlo.

Bentley Azure (2006): cinque buone ragioni per acquistarla

1) Nessuna scoperta Bentley potrà mai eguagliare come prestigio la Azure svelata nel 2006, l’ultima rimasta fedele alla tradizione “british” prima dell’arrivo delle Continental realizzate interamente sotto la supervisione Volkswagen.

2) Finiture eccellenti: legno e pelle a profusione e lavorazione artigianale. Le auto con dettagli così curati si contano sulle dita di una mano.

3) La Bentley Azure è una cabriolet senza tempo apprezzata da automobilisti facoltosi anziani, giovani e di mezz’età: in caso di rivendita si trova facilmente un acquirente.

4) Monta lo storico motore 6.750 V8 derivato da quello montato dalla fine degli anni ’60 anche dalle Rolls-Royce. Un pezzo di storia modificato quanto basta dalla Volkswagen per renderlo più moderno e più affidabile.

5) Le prestazioni sono impressionanti: non tanto per i dati dichiarati, comunque notevoli (456 CV, 875 Nm di coppia, 270 km/h di velocità massima e 6,3 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari), quanto per la spinta mostruosa offerta ai bassi regimi.

Bentley Azure (2006): cinque buone ragioni per non acquistarla

1) La Bentley Azure è una delle supercar più spaziose mai prodotte ma anche una delle più ingombranti (5,41 metri di lunghezza e 3,12 metri di passo): assicuratevi di avere un box grande.

2) Consumi abominevoli: la Casa britannica dichiarava percorrenze pari a 5,6 km/l. Immaginate i dati rilevati…

3) La Bentley Azure, si sa, è cara: soprattutto se si pensa che con la stessa cifra necessaria per acquistare un esemplare ben tenuto di nove anni fa ci si può portare a casa una supercar moderna altrettanto rinomata (la Porsche 911 Targa 4S).

4) Il comportamento stradale è poco coinvolgente: va molto forte sul dritto ma nelle curve il peso elevato incide negativamente sul divertimento. Meglio usarla per passeggiare su strade costiere.

5) I pezzi di ricambio sono carissimi (e questo ci sta) ma più passerà il tempo più diventeranno complicati da trovare.

Bentley Azure (2006): cinque buone ragioni per acquistarla (e cinque per non farlo)

L'opinione dei lettori