Usato

Top Five Usato: SUV turbodiesel, quale scegliere

Cinque proposte del 2008 a confronto, vincono Toyota RAV4 e Ford Kuga

Acquistare una SUV turbodiesel usata del 2008 significa entrare in possesso di un mezzo versatile e moderno (già Euro 4) spendendo una cifra relativamente contenuta. Nella “top five” di questo mese, vinta dalla Toyota RAV4 e dalla Ford Kuga, abbiamo analizzato cinque proposte facili da trovare a meno di 13.000 euro.

La Sport Utility giapponese e quella dell’Ovale Blu hanno superato tre proposte asiatiche a trazione integrale: le nipponiche Nissan Qashqai e Suzuki Grand Vitara e la coreana Ssangyong Actyon. Scopriamo insieme la classifica, che prende in considerazione vetture a cinque porte con potenze comprese tra 125 e 150 CV.

1° Toyota RAV4 2.2 D-4D 136 CV   73 punti

La Toyota RAV4 2.2 D-4D 136 CV è una delle migliori SUV compatte mai costruite: caratterizzata da un ampio bagagliaio, monta un motore dalla cilindrata elevata (brutte notizie quando si tratta di stipulare una polizza RC Auto) brillante e pronto ai bassi regimi.

La versione “base” (che si trova a 9.700 euro), però, ha una dotazione di serie molto povera: i cerchi in lega e i fendinebbia non erano disponibili neanche come optional mentre il filtro antiparticolato si pagava a parte.

1° Ford Kuga+ 2.0 TDCi      73 punti

La Ford Kuga+ 2.0 TDCi è richiestissima sul mercato dell’usato: da nuova costava tanto (28.651 euro) e anche oggi ci vogliono 12.500 euro per acquistarla. Esistono rivali più affidabili.

Tra i punti di forza della SUV dell’Ovale Blu segnaliamo il motore ricco di coppia e in grado di garantire consumi contenuti (15,6 km/l dichiarati) e un comportamento stradale eccezionale (il pianale è lo stesso, allungato, della seconda serie della Focus).

3° Nissan Qashqai 2.0 dCi 4WD Acenta 70 punti

Affidabilità, dimensioni esterne compatte (4,32 metri di lunghezza), silenziosità e un motore potente (150 CV): sono questi i lati positivi della Nissan Qashqai 2.0 dCi 4WD Acenta (rintracciabile a 9.500 euro).

La Sport Utillity nipponica – la più amata dagli italiani nel 2008 – non è però molto efficace in fuoristrada e l’abitacolo offre poco spazio alle spalle e alla testa dei passeggeri posteriori.

4° Ssangyong Actyon 2.0 XDi 4WD Style 56 punti

Nonostante il design sportivo – che ha anticipato il fenomeno delle SUV coupé – la Ssangyong Actyon 2.0 XDi 4WD Style è un’auto molto spaziosa per i passeggeri. Il bagagliaio, invece, è piccolo in configurazione a cinque posti ma diventa immenso quando si abbattono i sedili posteriori.

Contraddistinta da finiture migliorabili e da un comportamento stradale poco convincente, monta un motore elastico ma rumoroso, assetato di carburante e non molto vivace. Da nuova costava poco (26.301 euro) e anche oggi (7.700 euro).

5° Suzuki Grand Vitara 1.9 DDiS   54 punti

La Suzuki Grand Vitara 1.9 DDiS (quotazioni pari a 10.000 euro) è una SUV costruita con cura e dotata di un propulsore (di origine Renault) dalla cilindrata ridotta – povero di cavalli (129) e di coppia – che potrebbe regalare consumi più bassi (13,0 km/l dichiarati).

La Sport Utility nipponica è la proposta più ingombrante del lotto (4,47 metri di lunghezza, colpa della ruota di scorta sporgente) ma non brilla alla voce “versatilità”: i passeggeri posteriori hanno poco spazio per le gambe e il bagagliaio in configurazione a due posti non è particolarmente ampio.


Foto

Toyota RAV4, la storia in foto

Le tre generazioni della "mamma" di tutte le SUV compatte.

Auto Story

La storia delle SUV Ford

Dieci anni di evoluzione sotto il segno dell'Ovale Blu

La Nissan Qashqai

Nissan Qashqai: guida all’acquisto

Nissan Qashqai 1.6 dCi 4WD (2014): pregi e difetti della SUV giapponese

Top Five Usato: SUV turbodiesel, meglio piccola o compatta?

Nissan, la storia della Casa giapponese

Nissan Qashqai 2014: la catena di montaggio