Usato

Daihatsu Sirion 1.0 Green Powered (2008): pregi e difetti della citycar giapponese a GPL

Bassi costi di gestione e quotazioni inferiori a 4.000 euro

La Daihatsu Sirion 1.0 Green Powered del 2008 è un’ottima citycar a GPL molto sottovalutata. Le quotazioni dell’allestimento “base” Sho recitano 3.300 euro ma questa versione è introvabile visto che la maggior parte dei clienti ha preferito optare per la più ricca variante Hiro. Scopriamo insieme i pregi e i difetti della “baby” gassata giapponese.

I pregi della Daihatsu Sirion 1.0 Green Powered del 2008

Abitabilità

La Daihatsu Sirion è una delle citycar più spaziose mai costruite: omologata per cinque posti, offre tanti centimetri alle spalle, alla testa e alle gambe dei passeggeri posteriori.

Finitura

Costruita con cura, fuori e dentro. Per trovare qualche (leggerissima) imprecisione bisogna analizzare le zone più nascoste dell’abitacolo.

Capacità bagagliaio

Il vano della Daihatsu Sirion ha una capienza di 225 litri e il pratico sistema di ribaltamento Total Flat System crea una superficie di carico completamente piana in configurazione a due posti e consente addirittura di far scorrere in avanti i cuscini posteriori.

Posto guida

Comandi ergonomici, sedile poco avvolgente.

Climatizzazione

L’impianto – potente ma con bocchette un po’ piccole – era optional ma è impossibile trovare esemplari privi di questo utile accessorio.

Sospensioni

La taratura tendente al soffice degli ammortizzatori della Daihatsu Sirion garantisce un buon comfort.

Rumorosità

A velocità autostradali è più silenziosa di altre concorrenti ma la presenza dei tre cilindri è molto evidente quando si tirano le marce.

Motore

Il 1.0 tre cilindri a benzina/GPL Euro 4 della Daihatsu Sirion Green Powered presenta numerosi alti e bassi: potente (69 CV) e scattante, non è molto vivace ai bassi regimi.

Cambio

La trasmissione manuale a cinque marce non ama la guida sportiva – tende ad impuntarsi un po’ troppo spesso – ma per un uso normale se la cava bene.

Sterzo

Perfetto in città, non molto sensibile nell’uso extraurbano.

Prestazioni

Molto interessanti: 160 km/h di velocità massima e 13,9 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Freni

Senza infamia e senza lode.

Tenuta di strada

Rassicurante in ogni condizione, nonostante l’assenza dei controlli elettronici.

Prezzo

Da nuova la Daihatsu Sirion 1.0 Sho Green Powered costava poco (12.211 euro) e anche oggi le quotazioni (3.300 euro) sono molto basse. Stiamo però parlando di una citycar introvabile: la maggior parte dei clienti ha (giustamente) preferito optare per la più ricca versione Hiro.

Consumo

Beve poco già a benzina e con l’impianto a GPL garantisce costi di gestione ancora più bassi.

I difetti della Daihatsu Sirion 1.0 Green Powered del 2008

Dotazione di serie

La Daihatsu Sirion Sho è povera di accessori: il climatizzatore era optional mentre altri dispositivi fondamentali (autoradio e fendinebbia) non erano disponibili nemmeno a pagamento. Meglio la più ricca versione Hiro.

Dotazione di sicurezza

Airbag frontali, airbag laterali e quattro stelle ottenute nei crash test Euro NCAP. L’ESP non era disponibile neanche a pagamento: male.

Visibilità

La Daihatsu Sirion – contraddistinta da ampie superfici vetrate – è una citycar “oversize” (supera i 3,60 metri di lunghezza). Molte concorrenti meno voluminose hanno più possibilità di trovare parcheggio.

Tenuta del valore

Non è tra le auto da città più richieste sul mercato dell’usato, anche se l’impianto a GPL (purtroppo non di primo impianto) potrebbe attirare qualche cliente in più.

Garanzie

La copertura globale e quella sulla verniciatura sono terminate nel 2011 mentre quella sulla corrosione scadrà quest’anno (dipende dal mese di immatricolazione).

Auto Story

La storia della Daihatsu Sirion

Prima originale, poi razionale

Auto Story

Daihatsu Charade, la storia

35 anni di evoluzione della "segmento B" nipponica

PanoramautoTV / Prove

Toyota Yaris vs Daihatsu Charade

Due piccoli geni a confronto. La terza generazione della "segmento B" giapponese  sfida la serie precedente, ora in commercio con un altro brand. Chi la  spunterà?

Auto usate giapponesi

Lexus GS 300 (2009): pregi e difetti dell’ammiraglia giapponese

Nissan 370Z Roadster (2013): pregi e difetti della supercar giapponese

Lexus RX (2013): pregi e difetti della SUV ibrida giapponese

Suzuki SX4 2.0 DDiS 4WD (2012): pregi e difetti della SUV giapponese

Mazda CX-5 2.0 4WD (2012): pregi e difetti della SUV giapponese