• pubblicato il 21-11-2016

Daihatsu Terios 1.5 (2007): pregi e difetti della piccola SUV giapponese

Affidabile, valida in off-road e con quotazioni inferiori a 9.000 euro

La Daihatsu Terios è una piccola SUV giapponese che ha conquistato parecchi clienti alla fine dello scorso decennio. La versione 1.5 del 2007 nell’allestimento Centenario (creato per celebrare il secolo di vita della Casa nipponica) non è molto facile da trovare e ha quotazioni inferiori a 9.000 euro. Scopriamo insieme i pregi e i difetti della baby Sport Utility del Sol Levante.

I pregi della Daihatsu Terios 1.5 del 2007

Abitabilità

Nonostante la lunghezza inferiore a 4,10 metri la Daihatsu Terios offre parecchio spazio (specialmente nella zona delle gambe e della testa di chi si accomoda dietro). Sul divano posteriore, però, si sta comodi solo in due.

Capacità bagagliaio

Il vano di 380 litri è perfetto per le esigenze di una coppia con un figlio ma non è molto sfruttabile (viste le ridotte dimensioni del corpo vettura) quando si abbattono i sedili posteriori. Scomoda l’apertura laterale.

Posto guida

La posizione di seduta rialzata consente di dominare il traffico.

Climatizzazione

L’impianto della Daihatsu Terios è potente ed è impreziosito da ampie bocchette.

Cambio

La trasmissione manuale a cinque marce non ha le ridotte ma può vantare un’utile (in off-road) rapportatura corta.

Sterzo

Un comando non particolarmente sensibile adatto però alla tipologia di vettura.

Visibilità

La Daihatsu Terios è facilissima da parcheggiare: merito delle dimensioni esterne compatte. Le superfici vetrate non sono molto ampie ma almeno la ruota di scorta sporgente non ostacola il lunotto.

Freni

Impianto convincente.

Tenuta di strada

Il rollio marcato dovuto al baricentro alto e l’assenza dei controlli elettronici non aiutano nelle manovre ad alta velocità. Se si viaggia tranquilli, però, si rivela una 4x4 agile.

Tenuta del valore

In un mercato ricco di piccole SUV ma povero di proposte a trazione integrale la Daihatsu Terios resta un usato molto apprezzato da chi cerca un mezzo versatile non troppo ingombrante.

I difetti della Daihatsu Terios 1.5 del 2007

Finitura

Meglio dentro (plastiche rigide assemblate, però, in maniera impeccabile) che fuori (qualche imprecisione negli accoppiamenti tra i pannelli della carrozzeria).

Dotazione di serie

Completa ma non personalizzabile: autoradio CD, cerchi in lega, climatizzatore, fendinebbia, interni in Alcantara, navigatore e vernice metallizzata.

Sospensioni

Molto (troppo) rigide.

Rumorosità

La Daihatsu Terios è una SUV “rustica”: il motore ha un sound marcato e alle alte velocità emergono anche fastidiosi fruscii aerodinamici. La baby Sport Utility giapponese non è certo il mezzo ideale per andare in autostrada.

Motore

Il 1.5 Euro 4 a benzina montato dalla Daihatsu Terios non è un mostro di potenza (105 CV) e non è neanche particolarmente dotato alla voce “coppia” (140 Nm). Poco convincente, inoltre, la spinta ai bassi regimi.

Prestazioni

Tutt’altro che vivaci: meglio usarla per affrontare sterrati impegnativi.

Dotazione di sicurezza

Deludente: airbag frontali e laterali. I controlli di stabilità e trazione sull’allestimento Centenario non erano neanche optional.

Prezzo

Da nuova nel 2007 la Daihatsu Terios 1.5 Centenario costava tanto (23.801 euro). Oggi è introvabile (debuttò alla fine dell’anno, più semplice rintracciare le versioni SX) e le sue quotazioni recitano 8.700 euro: poco più di una Dacia Sandero 1.2 Ambiance Family appena uscita dal concessionario.

Consumo

Beve tanto. La Casa dichiara percorrenze di 12,7 km/l e per rimanere sopra quota 10 è consigliabile cambiare marcia a regimi non troppo alti. Occhio, infine, ai tagliandi (ogni anno o 10.000 km): un intervallo un po’ troppo breve.

Garanzie

Tutte scadute: quella globale e quella sulla verniciatura nel 2010 e quella sulla corrosione nel 2013.

Daihatsu Terios 1.5 (2007): pregi e difetti della piccola SUV giapponese

L'opinione dei lettori