• pubblicato il 21-03-2016

Dodge Nitro 4.0 (2010): pregi e difetti della SUV statunitense

Potente e appariscente, costa meno di 15.000 euro (ma è introvabile)

La Dodge Nitro è una SUV perfetta per chi cerca un mezzo appariscente. La versione 4.0 V6 a benzina del 2010 - quotazioni inferiori a 15.000 euro - è introvabile (la stragrande maggioranza dei clienti ha optato giustamente per le più sfruttabili diesel) ma è la variante più adatta a chi cerca una 4x4 dal vero spirito “yankee”. Scopriamo insieme i pregi e i difetti della “cugina” della Jeep Cherokee (le due vetture sono realizzate sullo stesso pianale).

I pregi della Dodge Nitro 4.0 del 2010

Abitabilità

I passeggeri posteriori della Dodge Nitro hanno tanti centimetri a disposizione per le gambe e per la testa ma in tre sul divano non si sta larghissimi.

Capacità bagagliaio

Il vano è un po’ piccolo in configurazione a cinque posti (389 litri) ma le forme squadrate della carrozzeria consentono di ricavare un volume eccezionale (1.994 litri) con i sedili posteriori abbattuti.

Posto guida

Comodo e adatto ai lunghi viaggi. Una caratteristica comune a (quasi) tutte le auto statunitensi.

Climatizzazione

L’impianto della Dodge Nitro è potentissimo e impiega pochissimo tempo a raffreddare e a riscaldare l’abitacolo.

Sospensioni

La taratura soft degli ammortizzatori garantisce un comfort eccellente su qualsiasi superficie.

Rumorosità

Il motore V6 della Dodge Nitro non ha un sound particolarmente emozionante ma è silenzioso anche agli alti regimi.

Sterzo

Comando abbastanza preciso e diretto.

Prezzo

Da nuova la Dodge Nitro 4.0 era abbastanza abbordabile (39.081 euro), oggi è introvabile visto che la stragrande maggioranza dei clienti ha giustamente optato per le varianti diesel. Le quotazioni recitano 14.400 euro, poco meno di una Dacia Duster 1.6 4x4 “base” appena uscita dal concessionario.

I difetti della Dodge Nitro 4.0 del 2010

Finitura

La plancia della Dodge Nitro è realizzata con plastiche rigide e assemblate con poca cura.

Dotazione di serie

Non molto ricca: autoradio CD Mp3, climatizzatore, fendinebbia, sensori di parcheggio posteriori, vetri posteriori e lunotto oscurati.

Motore

Il propulsore 4.0 V6 a benzina - purtroppo ancora Euro 4 - della Dodge Nitro presenta numerosi alti e bassi. I cavalli (260) e la coppia (360 Nm) sono tanti ma l’erogazione è poco vigorosa ai bassi regimi e si esaurisce rapidamente. Da non sottovalutare - inoltre - la cilindrata elevata, poco amica di chi deve stipulare una polizza RC Auto.

Cambio

La trasmissione automatica a cinque rapporti non è adatta alla guida sportiva: nei passaggi marcia è piuttosto lenta.

Prestazioni

Da una SUV così potente ci si aspetterebbe più grinta: 202 km/h di velocità massima e 8,5 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

La Dodge Nitro offre gli airbag frontali e a tendina (ma non, curiosamente, quelli laterali) e i controlli di stabilità e trazione. Poca roba.

Visibilità

Non è facile parcheggiare un'auto lunga 4,58 metri e nonostante le forme squadrate della carrozzeria bisogna fare i conti con dei finestrini piuttosto piccoli.

Freni

Poco potenti e non molto incisivi.

Tenuta di strada

Poco agile su asfalto (e penalizzata da un rollio piuttosto marcato), non adatta al fuoristrada.

Tenuta del valore

La Dodge Nitro appartiene ad un marchio sparito dal mercato italiano e la presenza sotto il cofano di un grosso motore a benzina non aiuta certo a mantenere alte le quotazioni dell’usato.

Consumo

Altissimo: 8,7 km/l.

Garanzie

La copertura globale e quella sulla corrosione dei lamierati interni sono terminate nel 2012 mentre la protezione sulla corrosione dei lamierati esterni scadrà nel 2017.

Dodge Nitro 4.0 (2010): pregi e difetti della SUV statunitense

L'opinione dei lettori