Usato

Fiat Ulysse 2.0 (2004): pregi e difetti della grande monovolume torinese

Scattante, poco assetata e con quotazioni inferiori a 5.000 euro: peccato che sia introvabile

di Marco Coletto -

La Fiat Ulysse 2.0 del 2004 è una grande monovolume molto valida adatta a chi percorre pochi chilometri (monta un motore a benzina). Scopriamo insieme i pregi e i difetti della versione intermedia Dynamic: le sue quotazioni sono inferiori a 5.000 euro ma purtroppo è introvabile.

Pregi

Abitabilità

La Ulysse può accogliere sette passeggeri: i sedili della terza fila sono comodi anche per degli adulti e accedervi non è complicato.

Finitura

A bordo si respira un’atmosfera di elevata qualità: difficile trovare una Fiat realizzata meglio tra quelle prodotte nella prima metà dello scorso decennio.

Dotazione di serie

Completa (autoradio e climatizzatore) e – all’epoca – ampiamente personalizzabile.

Capacità bagagliaio

324 litri che diventano 2.948 in configurazione a due posti: nella media della categoria.

Posto guida

Facile sentirsi coccolati: merito dei sedili comodi, della posizione di seduta alta che consente di dominare la strada e delle numerose regolazioni.

Climatizzazione

L’impianto – molto potente – raffredda e riscalda senza problemi anche i passeggeri della terza fila.

Sospensioni

La taratura soffice degli ammortizzatori garantisce un livello di comfort elevatissimo. Ideale nei lunghi viaggi.

Rumorosità

Il propulsore è silenziosissimo e l’abitacolo è ottimamente insonorizzato.

Motore

Il 2.0 a benzina Euro 3 da 136 CV e 190 Nm di coppia offre una spinta interessante una volta superati i 4.000 giri.

Cambio

La trasmissione manuale a cinque marce è praticamente perfetta: si avverte solo qualche leggero impuntamento nella guida veloce.

Sterzo

Il comando è ben realizzato: nelle manovre di parcheggio è leggero come quello di un’utilitaria mentre nella guida di tutti i giorni offre un buon livello di precisione.

Prestazioni

Briose per il tipo di vettura: 185 km/h di velocità massima e 11,2 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

C’è (quasi) tutto quello che serve: airbag frontali, laterali e a tendina e controllo di trazione. Senza dimenticare le cinque stelle ottenute nei crash test Euro NCAP (una nella protezione del pedone). Solo l’ESP era optional.

Visibilità

Parcheggiarla non è difficile: merito delle ampie superfici vetrate e della posizione di seduta rialzata.

Freni

Senza infamia e senza lode.

Tenuta di strada

Rassicurante. Quando si esagera tende – come tutte le trazioni anteriori – ad allargare la traiettoria in curva ma è un problema che si gestisce facilmente.

Prezzo

Da nuova costava 26.561 euro, oggi è introvabile (più semplice rintracciare esemplari più recenti). Le quotazioni ufficiali recitano 4.200 euro.

Consumo

11,0 km/l dichiarati, 10 rilevati guidando in maniera tranquilla: niente male per una grande MPV a benzina.

Difetti

Tenuta del valore

Le grandi monovolume a benzina sono poco richieste sul mercato dell’usato: chi acquista questo genere di vetture tende a percorrere molti chilometri e quindi preferisce orientarsi sulle varianti a gasolio.

Garanzie

La copertura globale è scaduta nel 2006 mentre quella sulla verniciatura nel 2007. Ancora valida, fino al 2016, la protezione sulla corrosione.

Scopri tutto il listino dell’usato Fiat.

Auto Story

La storia delle grandi monovolume Fiat

Versatilità in salsa torinese

Foto

Top5 Usato: grandi monovolume turbodiesel

Cinque proposte del 2008 a meno di 20.000 euro, vince la Ford Galaxy.

Usato

Top5 Usato: grandi monovolume turbodiesel

Cinque proposte del 2006 a meno di 8.000 euro, vince la Ford S-Max

Usato "made in Italy"

Abarth 595 (2012): guida all’acquisto

Abarth Punto (2013): pregi e difetti della piccola sportiva torinese

Abarth Grande Punto (2008): pregi e difetti della piccola sportiva torinese

Ferrari California (2011): pregi e difetti della supercar di Maranello

Ferrari 612 Scaglietti (2010): pregi e difetti della supercar di Maranello