• pubblicato il 17-02-2014

Ford C-Max 1.0 125 CV (2012): pregi e difetti della monovolume compatta statunitense

di Marco Coletto

Spaziosa e poco assetata ma anche ingombrante e con finiture poco curate

La Ford C-Max 1.0 125 CV è una monovolume compatta adatta a chi non percorre molti chilometri. Monta un motore sovralimentato a benzina poco assetato di carburante e le sue quotazioni superano di poco i 15.000 euro. Peccato che sia introvabile: la maggior parte dei clienti ha optato per le più ricche versioni Titanium. Scopriamo insieme i suoi pregi e difetti.

Pregi

Abitabilità

Le dimensioni esterne ingombranti (4,38 metri di lunghezza) hanno permesso di ricavare un abitacolo spaziosissimo.

Capacità bagagliaio

In configurazione a cinque posti la capienza di 432 litri soddisfa le esigenze di una coppia con un paio di figli. Quando si abbattono i sedili posteriori il vano diventa immenso: 1.723 litri.

Posto guida

Comodo e ampiamente regolabile: i pulsanti sulla consolle centrale non sono molto intuitivi.

Climatizzazione

L’impianto è potente ed efficace: peccato solo per i tasti posizionati un po’ troppo in basso.

Motore

Il propulsore Euro 5 1.0 Ecoboost tre cilindri a benzina da 125 CV e 170 Nm di coppia è caratterizzato da una cilindrata contenuta (utile per risparmiare sull’assicurazione RC Auto) e da un’eccellente vivacità già intorno a quota 1.500 giri.

Cambio

La trasmissione manuale a sei marce ha una leva maneggevole e un pedale della frizione non troppo pesante.

Sterzo

Il comando preciso se la cava egregiamente anche nella guida sportiva.

Prestazioni

Adeguate al tipo di vettura: 187 km/h di velocità massima e 11.4 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Freni

Incisivi e mai in affanno.

Tenuta di strada

Incollata all’asfalto: merito di uno dei pianali migliori in commercio, quello della compatta Focus.

Prezzo

Da nuova costava 20.000 euro, oggi è introvabile visto che la maggioranza degli automobilisti ha optato giustamente per le più ricche versioni Titanium. Le quotazioni recitano 15.250 euro, poco meno di una Fiat 500L 1.4 “base” appena uscita dal concessionario.

Tenuta del valore

Le monovolume compatte a benzina generalmente non sono molto apprezzate ma la presenza di un piccolo motore sovralimentato (probabilmente il migliore del suo segmento) può a nostro avviso far convertire diversi potenziali clienti inizialmente interessati al diesel.

Consumo

Bassissimo: 19,6 km/l dichiarati, 15 rilevati guidando in modo tranquillo.

Difetti

Finitura

La plancia è rivestita con plastiche morbide ma gli assemblaggi non sono particolarmente curati. I pannelli della carrozzeria presentano oltretutto qualche imprecisione a livello di verniciatura.

Dotazione di serie

Non particolarmente ricca: autoradio, climatizzatore e sedile del guidatore regolabile in altezza.

Sospensioni

La taratura rigida degli ammortizzatori è perfetta per chi cerca il massimo piacere di guida ma non è adatta ai padri di famiglia che prediligono il comfort.

Rumorosità

Il sound proveniente dal propulsore a tre cilindri può risultare fastidioso a freddo.

Dotazione di sicurezza

Airbag frontali, laterali e a tendina, ESP e controllo di trazione. Senza dimenticare le cinque stelle ottenute nei crash test Euro NCAP. La nota stonata arriva dall’assenza dei fendinebbia, che erano solo optional. Male.

Visibilità

Parcheggiare una Ford C-Max non è semplice: non solo per la lunghezza generosa precedentemente citata ma anche per la particolare forma della carrozzeria ricca di bombature e per il lunotto piccolo. I sensori si pagavano a parte.

Garanzie

La copertura globale terminerà già quest’anno (dipende dal mese di immatricolazione) mentre quella sulla corrosione scadrà nel 2018.

Scopri tutto il listino dell'usato Ford.

Ford C-Max 1.0 125 CV (2012): pregi e difetti della monovolume compatta statunitense

L'opinione dei lettori