Usato

Ford Focus 1.6 TDCi 3p. (2010): pregi e difetti della compatta dell’Ovale Blu

Una "segmento C" brillante, parca e già Euro 5 al prezzo di una piccola.

di Marco Coletto -

Bastano poco più di 11.000 euro per portarsi a casa una Ford Focus 1.6 TDCi 3p. del 2010. La compatta dell’Ovale Blu è piena di qualità: spaziosa, scattante ed economica da gestire. Insomma, un vero affare. Scopriamo i pregi e i difetti.

ABITABILITÀ – Il divano posteriore ospita tranquillamente tre persone: lo spazio a disposizione è buono soprattutto in larghezza. L’assenza delle porte posteriori rende difficoltosa l’accessibilità a bordo.

FINITURA – La qualità è presente in ogni angolo dell’abitacolo. La plancia. ben assemblata, è realizzata con materiali di buon livello.

DOTAZIONE DI SERIE – Climatizzatore, retrovisori regolabili elettricamente, sedile del guidatore regolabile in altezza e sedile posteriore sdoppiato. Incompleta.

CAPACITÀ BAGAGLIAIO – 396 litri che diventano 1.258 quando si abbattono i sedili posteriori. Un vano molto grande e ben sfruttabile.

POSTO GUIDA – Posizione di seduta non troppo alta e sedili abbastanza contenitivi. Per avere un pizzico di sportività nella guida di tutti i giorni.

CLIMATIZZAZIONE – Impianto senza infamia e senza lode.

SOSPENSIONI – Nascono per privilegiare il piacere di guida ma non sono mai troppo rigide. La Focus è sempre stata un’auto con un eccellente pianale.

RUMOROSITÀ – Gli ingegneri dell’Ovale Blu hanno fatto un ottimo lavoro per quanto riguarda l’insonorizzazione. Il sound del propulsore non è mai fastidioso.

MOTORE – Il 1.6 turbodiesel TDCi da 109 CV e 260 Nm di coppia (tantissimi) è particolarmente vivace fin dai bassi regimi (sotto i 2.000 giri è già pronto) e rispetta già la normativa Euro 5.

CAMBIO – La trasmissione manuale a cinque marce è penalizzata da una leva poco maneggevole.

STERZO – Avremmo gradito un comando più adeguato ad un pianale così sportivo. Questo elemento della vettura privilegia invece il comfort.

PRESTAZIONI – 188 km/h di velocità massima e 10,9 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h. Niente male per un’auto di questa categoria.

DOTAZIONE DI SICUREZZA – C’è tutto quello che serve.

VISIBILITÀ – La coda voluminosa rende difficile la percezione degli ingombri durante le fasi di parcheggio.

FRENI – Difficile trovare difetti. Anzi, impossibile.

TENUTA DI STRADA – Ogni curva è un piacere e quando si esagera con il pedale dell’acceleratore l’ESP ci mette una pezza.

PREZZO – Da nuova costava 18.151 euro, oggi si trova senza problemi a 11.300 euro. Poco meno di una Dacia Logan MCV 1.6 5 posti Blackline appena uscita dal concessionario.

TENUTA DEL VALORE – La Focus è una delle compatte più amate in Europa e il motore 1.6 TDCi è un bestseller. Quello che potrebbe far calare il prezzo potrebbe essere la presenza delle tre porte: la maggior parte dei clienti vuole anche quelle posteriori.

CONSUMO – 22,2 km/l. Un valore eccellente, anche se va detto che molti clienti della “segmento C” Ford si lamentano delle basse percorrenze in città.

GARANZIE – La copertura globale terminerà già quest’anno (dipende dal mese di immatricolazione). Quella sulla corrosione è invece valida fino al 2022.

Foto

Ford Focus (2010)

Una "segmento C" brillante, parca e già Euro 5 al prezzo di una piccola.