• pubblicato il 20-01-2014

Hyundai i30 1.6 CRDi 128 CV 5p. (2013): pregi e difetti della compatta coreana

di Marco Coletto

Una "segmento C" riuscita facile da trovare a km zero

La Hyundai i30 1.6 CRDi 128 CV 5p. del 2013 è una compatta perfetta per chi cerca un’auto a km zero riuscita e pressoché priva di difetti. Acquistando un esemplare dello scorso anno nell’allestimento intermedio Comfort, facilissimo da trovare, si risparmiano oltre 3.000 euro rispetto al listino del nuovo. Scopriamo insieme i suoi pregi e difetti.

Pregi

Abitabilità

Buona - ma non da record - anche per chi chi si accomoda sui sedili posteriori.

Finitura

La plancia, realizzata con materiali di ottima qualità, è ben assemblata. Qualche dettaglio nei punti nascosti non è ben curato ma si tratta di peccatucci veniali.

Dotazione di serie

Abbastanza completa: autoradio con Bluetooth, fendinebbia e retrovisori ripiegabli elettricamente.

Capacità bagagliaio

378 litri che diventano 1.316 (parecchi) quando si abbattono i sedili posteriori. Una capienza adatta ad una coppia con un figlio.

Posto guida

Bastano pochi minuti per trovare la giusta posizione: merito delle ampie regolazioni e di un sedile particolarmente confortevole.

Climatizzazione

L’impianto è potente ed efficace e oltretutto i comandi per gestirlo sono ergonomici.

Sospensioni

Gli ammortizzatori hanno una taratura neutra (non troppo soffice e non troppo dura) che garantisce un buon livello di comfort senza pregiudicare il piacere di guida.

Rumorosità

Il propulsore è uno dei più silenziosi della categoria e l’abitacolo uno dei più insonorizzati.

Motore

Il 1.6 turbodiesel CRDi Euro 5 da 128 CV e 260 Nm di coppia inizia a spingere forte intorno ai 2.000 giri e la sua spinta si esaurisce - come quasi tutte le unità a gasolio con questa cubatura - verso quota 4.000.

Cambio

La trasmissione manuale a sei marce è contraddistinta da una rapportatura impeccabile e da una leva maneggevole. Senza dimenticare la frizione leggera.

Sterzo

Il comando offre un livello di precisione adeguato alla tipologia di vettura e regala una grande sensazione di solidità.

Prestazioni

Senza infamia e senza lode: 197 km/h di velocità massima e 10,9 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

Buona: airbag frontali, laterali e a tendina e controlli di stabilità e trazione. Da non sottovalutare, infine, le cinque stelle ottenute nei crash test Euro NCAP.

Visibilità

I problemi maggiori arrivano, curiosamente, durante le curve per via dei montanti anteriori ingombranti. Nessun problema, invece, nelle manovre di parcheggio.

Freni

Impossibile trovare un difetto: agiscono in maniera perfetta e non si affaticano neanche dopo un uso intenso.

Tenuta di strada

Il comportamento nelle curve è rassicurante. Quando si esagera con la velocità i controlli elettronici intervengono senza essere bruschi.

Prezzo

Da nuova costava (e costa ancora oggi) poco - 20.775 euro - mentre è facile trovare esemplari a chilometri zero a poco più di 17.000 euro. Poco meno di una Skoda Rapid 1.6 TDI 90 CV “base” appena uscita dal concessionario.

Tenuta del valore

Le compatte coreane non hanno mai riscosso un grande successo da usate ma la seconda generazione della i30 potrebbe migliorare un po’ la situazione. Ha ottimi contenuti e una garanzia lunga: due elementi (soprattutto il secondo) molto richiesti sul mercato delle vetture di seconda mano.

Consumo

Eccellente: 24,4 km/l.

Garanzie

La copertura globale è valida addirittura fino al 2018 mentre quella sulla corrosione scadrà nel 2025.

Scopri tutto il listino dell'usato Hyundai.

Hyundai i30 1.6 CRDi 128 CV 5p. (2013): pregi e difetti della compatta coreana

L'opinione dei lettori