Usato

Jaguar X-Type 2.2D aut. (2008): pregi e difetti della berlina britannica

Un tocco di eleganza a poco più di 5.000 euro

La Jaguar X-Type restyling – svelata nel 2008 – è un’elegante berlina britannica perfetta per chi vuole un’auto raffinata ma non ha un grosso budget a disposizione. Scopriamo i pregi e i difetti della versione 2.2D aut. del 2008 (dotata di filtro antiparticolato cDPF e disponibile esclusivamente a trazione anteriore) nell’allestimento Luxury, facile da trovare a 5.500 euro.

I pregi della Jaguar X-Type 2.2D aut. del 2008

Finitura

Dentro la Jaguar X-Type si presenta molto bene mentre fuori si notano troppe imprecisioni negli assemblaggi dei pannelli della carrozzeria.

Capacità bagagliaio

Il vano ha una capienza adeguata: 452 litri.

Posto guida

Sedile comodo e tante regolazioni: basta poco per trovare la posizione ideale.

Climatizzazione

La Jaguar X-Type monta un impianto potente ed efficace gestito da pulsanti un po’ troppo piccoli.

Sospensioni

Gli ammortizzatori hanno una taratura tendente al morbido che garantisce un ottimo comfort nei lunghi viaggi.

Rumorosità

Motore silenzioso e abitacolo ben insonorizzato. Promossa.

Motore

Il 2.2 turbodiesel Euro 4 con filtro antiparticolato della Jaguar X-Type è un propulsore di origine Ford davvero riuscito: ricco di cavalli (145) e di coppia (360 Nm), regala una spinta corposa già sotto i 2.000 giri. L’unica nota negativa riguarda la cilindrata elevata (che non aiuta chi vuole risparmiare sull’assicurazione RC Auto).

Sterzo

Nella media del segmento: preciso e sensibile quanto basta.

Prestazioni

La Jaguar X-Type 2.2D aut. è una berlina abbastanza briosa: 208 km/h di velocità massima e 9,9 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

Completa: airbag frontali, laterali e a tendina e controlli di stabilità e trazione. Quattro sono le stelle ottenute nei crash test Euro NCAP.

Visibilità

La coda sporgente e i sensori di parcheggio optional non aiutano nelle manovre. Per fortuna la Jaguar X-Type offre ampie superfici vetrate.

Freni

Senza infamia e senza lode.

Tenuta del valore

Le quotazioni della X-Type non dovrebbero scendere sotto i 5.000 euro: le Jaguar (anche quelle “blasfeme” a trazione anteriore) sono richieste sul mercato dell’usato.

Consumo

Buono: 16,7 km/l dichiarati.

I difetti della Jaguar X-Type 2.2D aut. del 2008

Abitabilità

La Jaguar X-Type offre poco spazio ai passeggeri.

Dotazione di serie

L’allestimento “entry level” Luxury non è molto ricco: autoradio, cambio automatico, cerchi in lega, climatizzatore automatico, cruise control, fendinebbia, filtro antiparticolato e sedili regolabili elettricamente. Il navigatore e i sensori di parcheggio erano optional

Cambio

La trasmissione automatica a sei rapporti non è molto rapida nei passaggi marcia.

Tenuta di strada

La Jaguar X-Type 2.2D aut. nelle curve è rassicurante (merito della trazione anteriore e dei controlli elettronici) ma non divertente. Nel misto stretto è poco agile per via del peso eccessivo: meglio guidarla in modo non aggressivo.

Prezzo

Da nuova nel 2008 la Jaguar X-Type 2.2D aut. Luxury costava tanto (35.001 euro): oggi si trova senza problemi a 5.500 euro.

Garanzie

Tutte scadute: la copertura globale e quella sulla verniciatura nel 2011, quella sulla corrosione nel 2014.

PanoramautoTV / Prove

Jaguar XE

Un’ottima alternativa alle berline tedesche, anche se paga una maggiore svalutazione sull’usato.

Auto Story

Jaguar, la storia

Sportività ed eleganza: i due capisaldi del marchio inglese

Foto

Jaguar XJ, la storia in foto

L'evoluzione discreta della berlina di lusso del Giaguaro.

Passione Jaguar

Jaguar Daimler Double Six (1986): l’eleganza del V12

Jaguar XF 3.0 D (2012): pregi e difetti dell’ammiraglia britannica

Jaguar XF 2.2 D (2011): pregi e difetti dell’ammiraglia britannica

Jaguar XJ 5.0 V8 S/C (2010): pregi e difetti dell’ammiraglia britannica

Jaguar X-Type 3.0 (2007): pregi e difetti della berlina britannica