Usato

Jaguar XF 3.0 D (2012): pregi e difetti dell’ammiraglia britannica

Affidabile e poco assetata di gasolio (ma con qualche imprecisione alla voce “finiture”)

La prima generazione della Jaguar XF è stata una delle poche ammiraglie non tedesche capaci di conquistare il pubblico.  La versione 3.0 D del 2012 (quindi restyling) nell’allestimento Luxury si trova facilmente a poco più di 22.000 euro: scopriamo insieme i pregi e i difetti dell’affidabile “berlinona” britannica.

I pregi della Jaguar XF 3.0 D del 2012

Dotazione di serie

L’allestimento Luxury della Jaguar XF è decisamente completo: autoradio CD MP3 Aux, cerchi in lega, climatizzatore, cruise control, fari bixeno, filtro antiparticolato e sedili regolabili elettricamente.

Capacità bagagliaio

Il vano ha una capienza di 540 litri: un valore adatto alle esigenze di una famiglia.

Posto guida

Sedile comodo e comandi ergonomici.

Climatizzazione

La Jaguar XF monta un impianto valido impreziosito da scenografiche bocchette a scomparsa.

Sospensioni

La taratura tendente al morbido degli ammortizzatori regala un buon comfort.

Rumorosità

A bordo della Jaguar XF si viaggia nel massimo silenzio: merito di un abitacolo insonorizzato con cura.

Cambio

L’ottima trasmissione automatica a 8 rapporti regala passaggi marcia fluidi.

Sterzo

Non sportivo ma con una buona sensibilità: più adatto comunque ad una guida rilassata.

Prestazioni

Nella media della categoria: 240 km/h di velocità massima e 7,1 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

Sulla Jaguar XF c’è tutto quello che serve: airbag frontali, laterali e a tendina, attacchi Isofix e controlli di stabilità e trazione. Solo quattro le stelle ottenute nei crash test Euro NCAP.

Visibilità

Buona quella anteriore, migliorabile – a causa del lunotto inclinato e della coda sporgente – quella posteriore. Cercate esemplari dotati di sensori di parcheggio (erano optional).

Freni

Potenti, quasi sportivi.

Tenuta di strada

Non è agile come alcune rivali ma regala un comportamento sempre rassicurante.

Prezzo

Da nuova nel 2012 la Jaguar XF 3.0 D Luxury costava 53.010 euro. Oggi si trova senza problemi a 22.000 euro: poco meno di una Opel Astra 1.6 CDTI 4p. appena uscita dal concessionario.

Tenuta del valore

La XF è un’ammiraglia molto amata e molto richiesta sul mercato dell’usato. Le sue quotazioni sono quindi destinate a non scendere troppo vertiginosamente nei prossimi anni.

Consumo

La Jaguar XF 3.0 D beve poco per essere una “berlinona” V6 diesel: 16,7 km/l dichiarati, sempre sopra quota 10 ottenibili guidando in modo normale.

I difetti della Jaguar XF 3.0 D del 2012

Abitabilità

A bordo della Jaguar XF i passeggeri posteriori più alti non hanno molti centimetri a disposizione nella zona della testa.

Finitura

Ad un primo sguardo si presenta bene ma si notano alcune imprecisioni nelle parti più nascoste dell’abitacolo e negli assemblaggi dei pannelli della carrozzeria.

Motore

Il 3.0 turbodiesel D V6 Euro 5 della Jaguar XF è ricco di cavalli (240) ma povero di coppia (500 Nm). Migliorabile la spinta ai bassi regimi.

Garanzie

La copertura globale e quella sulla verniciatura sono terminate nel 2015. Ancora valida, fino al 2018, la protezione sulla corrosione.

Scopri tutto il listino dell’usato Jaguar.

PanoramautoTV / Prove

Jaguar XF: la prova su strada

La risposta di Jaguar alla crisi: la consueta eleganza british con un motore più parco nei consumi

Auto Story

Dalla S-Type alla XF, la storia delle grandi berline Jaguar

L'evoluzione dell'ammiraglia britannica

Foto

Jaguar XJ, la storia in foto

L'evoluzione discreta della berlina di lusso del Giaguaro.

Passione Jaguar

Anteprima EVO: Jaguar XKR-S, the fastest Jaguar

Jaguar XKR Convertibile (2006): pregi e difetti della cabriolet britannica

Jaguar XKR-S Convertibile: test esclusivo

Jaguar XJ AWD: arrivano le integrali

Jaguar Daimler Double Six (1986): l’eleganza del V12