Usato

Jaguar XJ 5.0 LWB (2012): pregi e difetti dell’ammiraglia britannica

Consuma parecchio ed è introvabile ma è potente e ben dotata

di Marco Coletto -

La Jaguar XJ 5.0 LWB non è un’ammiraglia facile da trovare usata visto che è a passo lungo (soluzione poco apprezzata sulle “berlinone” dalle nostre parti) e monta un possente motore V8 a benzina. Questo spiega le quotazioni relativamente basse – meno di 70.000 euro – della versione “base” Premium Luxury del 2012: scopriamo insieme i suoi pregi e difetti.

Pregi

Abitabilità

I passeggeri posteriori hanno tanto spazio a disposizione delle spalle e delle gambe mentre non c’è molta aria sopra la testa degli occupanti più alti.

Dotazione di serie

Decisamente completa: autoradio con Bluetooth, cerchi in lega, climatizzatore, cruise control, fari allo xeno, interni in pelle, navigatore satellitare, retrovisori ripiegabili elettricamente, sedili regolabili elettricamente, sospensioni attive e tetto apribile.

Capacità bagagliaio

Il vano – 520 litri – accoglie senza fatica le borse di tutti e cinque gli occupanti.

Posto guida

Creato per coccolare il pilota (o, nel caso di una Jaguar a passo lungo, l’autista): sedile confortevole e comandi ben posizionati.

Climatizzazione

L’impianto è semplicemente perfetto.

Sospensioni

La taratura “soft” degli ammortizzatori garantisce il massimo relax nei lunghi viaggi.

Rumorosità

Il sound del V8 è impercettibile nell’abitacolo: solo quando si spinge forte sul pedale dell’acceleratore si avverte un rombo gradevole.

Motore

Il 5.0 V8 Euro 5 – ricco di potenza (385 CV) e, soprattutto, di coppia (515 Nm) – è molto elastico (spinge forte già intorno ai 3.000 giri) e allunga come pochi altri, quasi fino a 7.000 giri. Peccato solo per la cilindrata elevata, poco amica di chi deve stipulare una polizza RC Auto.

Sterzo

Non sembra neanche appartenere ad un’ammiraglia lunga oltre cinque metri: preciso e sensibile.

Prestazioni

Oneste: 250 km/h di velocità massima e 5,7 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

Nella norma: airbag frontali, laterali e a tendina e controlli di stabilità e trazione.

Tenuta di strada

Nonostante la mole considerevole nelle curve è agilissima e riesce addirittura ad essere divertente.

Garanzie

La copertura globale e quella sulla verniciatura termineranno nel 2015 mentre quella sulla corrosione è valida fino al 2018.

Difetti

Finitura

Il livello di cura delle parti nascoste e l’assemblaggio imperfetto di alcuni pannelli della carrozzeria non sono all’altezza del marchio Jaguar.

Cambio

La trasmissione automatica a sei rapporti appare obsoleta se confrontata con le attuali unità a otto marce montate dalle XJ più recenti. La lentezza nelle cambiate è evidente, soprattutto nella guida sportiva.

Visibilità

Parcheggiare un’auto lunga 5,25 metri non è semplice, soprattutto se le superfici vetrate non sono particolarmente ampie. Per fortuna che ci sono i sensori.

Prezzo

Da nuova costava tanto (106.200 euro), oggi è introvabile (più semplice rintracciare le turbodiesel a passo corto). Le quotazioni ufficiali recitano 64.700 euro: poco più di una BMW 525d xDrive Msport appena uscita dal concessionario.

Tenuta del valore

Non delle più elevate: nessuno vuole un’ammiraglia a benzina. I prezzi sono destinati a calare vertiginosamente nei prossimi anni.

Consumo

Elevato in ogni circostanza: 8,8 km/l dichiarati.

Scopri tutto il listino Jaguar.

PanoramautoTV / News

Jaguar: la XJ alla prova sulla neve

Due Jaguar XJ sono tornate vittoriose da un lungo viaggio di 2000 miglia in una delle regioni più fredde della terra.

Foto

Jaguar XJ, la storia in foto

L'evoluzione discreta della berlina di lusso del Giaguaro.

Usato

Jaguar XJ 5.0 LWB (2011)

Elegante e introvabile: acquistando un esemplare vecchio di un anno si risparmiano 40.000 euro

Inglesi usate

Mini Trigger (2008): pregi e difetti della piccola britannica

Lotus Exige (2007): pregi e difetti della coupé britannica

Lotus Exige (2004): pregi e difetti della coupé britannica

Bentley Azure (2007): pregi e difetti della supercar britannica

Bentley Azure Mulliner (2003): pregi e difetti della cabriolet britannica