Usato

Lancia Musa 1.3 MJT 90 CV (2007): pregi e difetti della piccola monovolume torinese

La gemella "lussuosa" della Fiat Idea consuma poco e si trova senza problemi a 6.000 euro

Nel 2007 la Lancia Musa era la monovolume più amata dagli italiani ed è ancora oggi molto ricercata sul mercato dell’usato. Questa settimana analizzeremo la versione restyling (uscita alla fine di quell’anno e dotata di un bagagliaio più capiente) e più precisamente la variante 1.3 MJT 90 CV nell’allestimento Oro. Consuma poco e si trova facilmente a 6.000 euro, scopriamo insieme i suoi pregi e difetti.

Pregi

Abitabilità

Si sta come sulla Fiat Idea (realizzata sulla stessa piattaforma): comodi. Il divano scorrevole, oltretutto, contribuisce ad incrementare la praticità.

Dotazione di serie

Senza infamia e senza lode: autoradio, cerchi in lega e climatizzatore.

Capacità bagagliaio

Il vano è più ampio rispetto alla Musa pre-restyling grazie all’incremento della lunghezza: 390 litri (che diventano 1.450 quando si abbattono i sedili posteriori) sono un valore adatto alle esigenze di una coppia con un figlio.

Posto guida

Posizione di seduta adatta a chi vuole viaggiare rilassato e comandi ben posizionati: solo il sedile (un po’ troppo morbido) può affaticare nei lunghi viaggi.

Climatizzazione

L’impianto è potente ma quando si cerca di spostare l’orientamento delle bocchette bisogna fare i conti con uno scomodo pomellino.

Sospensioni

Gli ammortizzatori assorbono in maniera eccezionale le sconnessioni della strada.

Rumorosità

L’abitacolo è ben insonorizzato.

Motore

Il 1.3 turbodiesel MJT Euro 4 da 90 CV e 200 Nm di coppia offre una discreta spinta già sotto i 2.000 giri.

Cambio

La trasmissione manuale a cinque marce ha una leva ergonomica posizionata vicino al braccio destro del guidatore ed è abbinata ad un pedale della frizione leggero.

Sterzo

Eccellente in città, poco preciso se ci cerca il brio.

Prestazioni

Nella media della categoria: 173 km/h di velocità massima e 12,5 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

Airbag frontali e a tendina. I cuscini laterali si pagavano a parte, così come i controlli di stabilità e trazione.

Freni

Nell’uso normale se la cavano egregiamente ma soffrono di affaticamento nelle discese.

Tenuta di strada

La Lancia Musa è Incollata all’asfalto ma anche soggetta a rollio elevato.

Prezzo

La Lancia Musa 1.3 MJT 90 CV Oro da nuova costava 19.501 euro mentre oggi si trova senza problemi a 6.000 euro.

Tenuta del valore

Nel mercato del nuovo mancano piccole monovolume lussuose come la Musa: per questo è ancora apprezzatissima, soprattutto dalle mamme chic orfane anche della vecchia Mercedes classe A.

Consumo

Il valore dichiarato di 21,3 km/l è impossibile da eguagliare nella vita reale ma la Musa resta comunque una vettura molto parca: si riescono a superare senza problemi i 15 km/l anche quando non si sta troppo attenti al risparmio e con uno stile di guida accorto e mantenendo una velocità costante non troppo elevata si sfiora quota 20.

Difetti

Finitura

La plancia è rivestita con materiali di qualità ma alcuni assemblaggi non sono molto curati.

Visibilità

Dietro l’ampio lunotto è di grande aiuto in manovra mentre nei tornanti di montagna ci vorrebbero montanti anteriori più sottili.

Garanzie

La copertura globale è terminata nel 2009 e quella sulla verniciatura del 2010. Ancora valida, ma solo fino al 2015, la protezione sulla corrosione.

Scopri tutto il listino dell’usato Lancia.

Foto

Lancia Delta, la storia in foto

Le tre generazioni della compatta torinese.

Auto Story

La storia delle grandi monovolume Lancia

Spaziosissime e piene di eleganza

Il mondo Lancia

Dalla Y alla Ypsilon, la storia delle piccole Lancia

Lancia Lybra 1.8 (2005): pregi e difetti della berlina torinese

Dalla Aurelia alla Thema, la storia delle ammiraglie Lancia

Dalla Aprilia alla Flavia, la storia delle berline Lancia

Lancia Phedra 3.0 (2002): pregi e difetti della monovolume torinese