• pubblicato il 11-02-2013

Maserati Spyder (2005): pregi e difetti della roadster modenese

di Marco Coletto

Bastano 45.000 euro per entrare in possesso di una delle scoperte più seducenti di sempre

La Maserati Spyder è una delle scoperte più seducenti di sempre. La versione 90th Anniversary era la più costosa nel 2005: realizzata per celebrare i 90 anni della Casa modenese, era caratterizzata da paraurti sportivi, bandelle sottoporta e da due poggiatesta a profilo aerodinamico in carbonio. Introvabile da usata, ha una quotazione di 45.000 euro. Scopriamo i pregi e difetti della spider sportiva del Tridente.

Pregi

Abitabilità

I posti sono solo due ma sono comodi quasi come quelli di un'ammiraglia.

Finitura

Difficile trovare su un'auto italiana un livello così elevato di eleganza. Difficile fare caso ad alcuni assemblaggi poco precisi quando ci si trova davanti a così tanta raffinatezza.

Dotazione di serie

Ricca: autoradio, cambio automatico, climatizzatore, fendinebbia, interni in pelle, sedili regolabili elettricamente, sospensioni autoregolabili e vernice metallizzata.

Capacità bagagliaio

Il vano ha una forma regolare e può accogliere ben 300 litri.  La Spyder è un'auto nata per i weekend in coppia.

Posto guida

La posizione di seduta bassa  e sportiva non penalizza il comfort: il sedile è ben realizzato e tutti i comandi sono dove devono essere.

Climatizzazione

Le bocchette piccole e posizionate un po' troppo in basso sono l'unico difetto di un impianto dalla potenza considerevole.

Sospensioni

Nonostante il DNA sportivo la taratura degli ammortizzatori non è troppo rigida. Nei lunghi viaggi non affaticano.

Rumorosità

Alle alte velocità l'eccellente colonna sonora proveniente dal cofano si mescola a rumorini poco gradevoli provenienti da altre parti meccaniche.

Motore

Il 4.3 V8 Euro 3 da 390 CV e 451 Nm di coppia predilige la zona rossa del contagiri. Fino a 5.000 giri non dimostra la sua potenza, oltre quella soglia si scatena.

Cambio

La trasmissione automatica a sei rapporti convince maggiormente nella guida sportiva che in quella di tutti i giorni.

Sterzo

Uno degli elementi migliori della vettura, reattivo come pochi altri.

Prestazioni

Da brivido: 283 km/h di velocità massima e 5 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h.

Dotazione di sicurezza

Gli airbag frontali e laterali ci sono, così come i controlli di stabilità e trazione. Mancano solo i cuscini per la testa.

Visibilità

Quando si chiude la capote bisogna fare i conti con un lunotto un po' piccino. Cercate esemplari dotati di sensori di parcheggio (erano optional).

Freni

L'impianto è potentissimo, degno di una supercar DOC.

Tenuta di strada

La Maserati Spyder è un'auto dedicata a guidatori esperti. Non è pericolosa ma per divertirsi davvero bisogna spingerla al limite.

Prezzo

Da nuova costava 117.651 euro, oggi è introvabile (più facile rintracciare le versioni non limitate). Le quotazioni recitano 45.000 euro: poco più di una Nissan 370Z Roadster "base" appena uscita dal concessionario.

Tenuta del valore

Il prezzo è destinato a calare ulteriormente nei prossimi anni ma non in maniera esagerata. La "90th Anniversary" sarà in futuro la Maserati Spyder più richiesta.

Difetti

Consumo

Particolarmente elevato: 5.4 km/l dichiarati.

Garanzie

La copertura globale è terminata nel 2008 mentre quella sulla verniciatura già nel 2006. Diverso il discorso che riguarda la protezione sulla corrosione: valida fino al 2013, dipende dal mese di immatricolazione.

Scopri tutto il listino Maserati.

Maserati Spyder (2005): pregi e difetti della roadster modenese

L'opinione dei lettori