Maserati Spyder
  • pubblicato il 02-02-2015

Maserati Spyder (2005): pregi e difetti della supercar modenese

La versione "base" dotata di cambio manuale si porta a casa con 27.500 euro ma è introvabile

Acquistare una Maserati Spyder del 2005 significa entrare in possesso di una delle supercar italiane più affascinanti del terzo milennio. La versione “base” GT, quella dotata di cambio manuale, ha quotazioni abbastanza accessibili (27.500 euro) ma è introvabile visto che la maggioranza dei clienti all’epoca preferì optare per l’automatica Cambiocorsa. Scopriamo insieme i pregi e i difetti della scoperta modenese.

Pregi

Abitabilità

Due posti secchi (ma molto comodi).

Finitura

Materiali di qualità e assemblaggi discreti.

Dotazione di serie

Autoradio, cerchi in lega, climatizzatore, fendinebbia, interni in pelle e sedili regolabili elettricamente: c’è tutto quello che serve.

Capacità bagagliaio

300 litri: un valore più che adatto a due occupanti.

Posto guida

Sedile avvolgente, ampie regolazioni, comandi ergonomici e tante “coccole” per il pilota. L’unica concessione alla sportività arriva dalla posizione di seduta bassa.

Climatizzazione

Impianto valido, bocchette piccole.

Motore

Il 4.3 V8 Euro 3 da 390 CV e 451 Nm di coppia della Maserati Spyder inizia a “svegliarsi” intorno ai 4.000 giri: oltre questa soglia è uno dei propulsori più coinvolgenti di sempre.

Cambio

La trasmissione manuale a sei marce offre un feeling superiore rispetto al Cambiocorsa automatico ma ha una leva molto sensibile: si rischia di “grattare” spesso.

Sterzo

Semplicemente perfetto: merita dieci e lode in sensibilità e precisione.

Prestazioni

La Maserati Spyder ha tutto per conquistare gli amanti della sportività: 283 km/h di velocità massima e 5,0 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

Airbag frontali e laterali (ma non quelli a tendina) e controlli di stabilità e trazione.

Freni

Talmente potenti da sopportare senza problemi anche un uso intenso in pista.

Tenuta di strada

La Maserati Spyder è incollata all’asfalto e può vantare un comportamento estremamente agile nelle curve.

Tenuta del valore

In dieci anni il prezzo della scoperta emiliana è calato molto ma ora dovrebbe stabilizzarsi.

Difetti

Sospensioni

La taratura non troppo rigida degli ammortizzatori della Maserati Spyder potrebbe deludere chi in quest’auto cerca il massimo piacere di guida.

Rumorosità

Il motore ha un sound eccezionale ma alle alte velocità si avverte qualche leggero fastidio proveniente da altre componenti della vettura.

Visibilità

Con la capote chiusa non è facile percepire gli ingombri esterni durante le manovre di parcheggio. Il nostro consiglio è quello di puntare su esemplari dotati di sensori: erano optional.

Prezzo

Da nuova la Maserati Spyder costava parecchio: 96.251 euro. Oggi è introvabile (più semplice rintracciare le Cambiocorsa) e le sue quotazioni recitano 27.500 euro: poco meno di una Mazda MX-5 Roadster Coupé 1.8 appena uscita dal concessionario.

Consumo

Gli otto cilindri della scoperta modenese sono molto assetati di carburante: 5,4 km/l dichiarati…

Garanzie

La copertura è terminata nel 2008.

Maserati Spyder (2005): pregi e difetti della supercar modenese

L'opinione dei lettori